Notizie

‘A stroppola ‘e Farfariello: tutti i Paolo del Napoli

b1d237aad44a95e3871fc116e6241517

Purtroppio, mi dovete preddonaro, se questa mia stroppola  pigliarrà quacche rigo supierchio. Tengo ‘nu pare ‘e cusarelle che ‘v’aggia dicere, senza limitazzione ‘e spazzio e di misura. Doveto sapere che esiste ‘nu nomme femminilo che è ‘na sventura. Maroooooooooonna, solo se si pronuncia, scenneno guaje  ‘a mmappate. Poveri gguaglione cà se pòrtano ‘n’cuollo, da che ‘so nnàte, questa granda disgrazia. Non mi dito niente, ma chistù nomme, nun vò pozzo ricere. Se farebbo questa imprudenza, tutte ‘e femmene ca leggiono stà stroppola, me venono subbeto, giustamente  ‘a caucià ‘nfino ‘a casa, oppure, fanno ‘o strascino a Rafilina. Avotanno la paggina, c’è un nome maschilo che è tutta altra musica. Secondo me, dopo San Gennaro faccia verde, la Napoli ‘do pallone, non poteva speraro di meglio come antiseccia. Paolo ! Mò vi racconto pecchè. Lo sapeto che il primo pallone della storia del Napoli calcio, vottato dentro la rete avversaria del Genoa, nel lontano 17 ottobbre 1926, porta la firma dell’attaccante Innocenti ? E sapeto come si chiamava di nome ? Paolo. Passiamo avanti. La nostra bella città ha tenuto quattro stadi mpurtanti. ‘O primmo, se chiammava, Mandracchio. ‘O sicondo, Ascarelli. ‘O terzo, Collana. Nonostante questi tre belli stadi, tifuse affezziunate, presidenti molto rinomati, addirittura il sindaco don’Achille, amato  dai ricchi e puverielli, se so fatte ‘o sango fraceto ‘pe sissantun’anne, magnannese ‘o ca…vulosciore quanno abbuscaveno quasi sempre ‘ca Juventùs, ‘co Milàn, ‘cu l’Intér e cu ll’ati squadre che puntualmente cacciavono tutta ‘a scienza, solo quanno jucavono ‘co Napule. ‘Na bella jurnata del 10 maggio del 1987, Napoli e ‘o Napule, si sono tolte le prete da dentro le scarpe. Decidette ‘o gol ‘e Carnevale su assist ‘e Bruno Giordano al ’29 del primo tempo. Pariggiaje ‘nu giovane quasi esordiente, ‘nu certo Baggio.  Nonostante l’uno a uno con la Fiorentina, ‘o presidente Ferlaino, ‘o mistèrr Ottavio Bianchi, Garella, Bruscolotti, Volpecina, Bagni, Ferrario, Renica, Carnevale, De Napoli, Giordano, Maradona e Romano, ‘nzieme  a dduje guagliune trasùte ‘a fine gara, Ciro Ferrara e Gigi Caffarelli, se purtajno ‘a casa ‘o scudetto ‘pa gioia esagerata ‘e sta città. Sapite tutto questo dove accadeva ? Al San Paolo. E’ la seconda volta che questo nome, porta bene al Napoli. Mò vogliamo passare al terzo Paolo ?  Del Genio, che a detta di quanti lo conosceno, è ‘nu giornalista sopraffino. Serio, nun dice maje strunzate comme fanno spisso, parecchi culleghi de’ suoie. Se deve dire quello che penza, lo fa senza peli sulla lengua e se ne strafotte ‘da critica ‘de strunze ‘ca parleno sulamente ‘pe mmiria e gelusia. ‘E culure ‘da squadra l’ha tenuta sempe dind’o core ‘da quanno, appena mucciusiello, accumminciaje ‘a fa, ‘e pprimme cronache, abbracciato al padre Tonino, in tribbuna a Fuorigrotta. Chi ‘o mantene quanno segna ‘o ciuccio. Diventa rosso rosso comme ‘a ‘nu puparuolo e allùcca priàto e cuntento, penzando subbito le cose giuste e vere da scrivere per la cronaca del giornale, addò fatica. ‘O quarte Paolo ‘ca me pare corretto ‘e menzionà, è chillu grande capitano che ha prenduto la squadra per la mano tenennela stretta stretta, ‘da serie C fino alla Ciampiolengua.‘A dispetto di chi s’è permettuto ‘e parlà contro ‘o guerriero, Cannavaro ha rassicurato, veramente ad occo, tutti quelli che lo stimano, con questo messaggio: “Guagliù, ‘so forte e ‘so tuoste. Non avete paura. La partita posso giocarla ancora ad alti livelli e, cosa predominante per i miei attributi naturali, se perdo la palla ad opera di un avversario, ne tengo altre cinque, strettamente personali ”.

                                                                                                  Farfariello alias Mario Pirone

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top