Notizie

Arsenal-Borussia l’altra affascinante sfida del gruppo F. Intanto a Marsiglia previsti duemila napoletani

a0e2fbcdd218693394d187e767c5271e

Senza nulla togliere a Schalke 04-Chelsea, stasera Arsenal-Borussia Dortmund offre il meglio della sfida incrociata in Champions tra Inghilterra e Germania. E con il dovuto rispetto nei confronti di Real Madrid-Juventus e Milan-Barcellona, lo spettacolo più raffinato dl football europeo attuale si vedrà probabilmente all’Emirates. Sebbene divisi da 18 anni di differenza, Arsene Wenger e Jurgen Klopp condividono la stessa estetica: spirito avventuroso, fitta rete di passaggi, palla a terra, velocità, culto dei talenti, persino lo stesso modulo. Profeti del 4-2-3-1, Wenger e Klopp non rendono mai noiosi 90 minuti allo stadio: i soldi per i biglietti sono sempre spesi bene.

Tra due squadre in salute, forse l’Arsenal in questo momento ha qualcosa in più. La leadership nel girone di Champions rende la differenza neppure tanto sottile: vincere anche stasera, prenoterebbe il passaggio agli ottavi. I Gunners sono intesta alla Premier e nelle 13 gare stagionali hanno ottenuto 11 successi, 1 pareggio e 1 sconfitta. L’inserimento del tedesco Ozil, micidiale contro il Napoli, ha dato ulteriore spessore a una squadra bella sempre da vedere, ma da otto stagioni a secco di trofei. Il boom non è però solo legato al talento di Ozil: E’ esploso il gallese Ramsey, con 9 gol capocannoniere dei Gunners. E si è finalmente inserito nel contesto-Arenal il francese Giroud, 6 reti e molti 7 in pagella. Wenger ha questa spiegazione: «C’è una fame speciale di successi e il gruppo è davvero unito. La voglia di crescere è la molla determinante: le grandi squadre hanno innato il desiderio di migliorarsi. Le sfide contro i club tedeschi son affascinanti perché sono sempre aperte. Ho una grande considerazione del calcio della Germania perché la professionalità è al cento per cento e l’atteggiamento mentale è sempre positivo». 

Peccato l’assenza di Klopp, che sconterà il secondo dei due turni di squalifica, ma con otto nazionali tedeschi in campo il calcio made in Germania sarà ben rappresentato. Attesissimo il bomber Lewandowski, che ha smaltito bene la delusione di non essere approdato al Bayern: con 9 gol complessivi è il capocannoniere stagionale del Borussia. A ruota, il gabonese Aubameyang, a quota 6. Il Dortmund, che torna a Londra dopo aver pero la finale di Champions il 25 maggio con il Bayern, è secondo in Bundesliga. In 13 gare ha raccolto 10 successi, 1 pareggio e 2 sconfitte. La differenza, rispetto all’Arsenal, è proprio nel k.o in Europa, sul campo del Napoli. Un motivo in più, questo, per spingere i tedeschi a presentarsi a petto in fuori all’Emirates. L’Arsenal dovrà rinunciare a Walcott, Flamini, Podolski, Chamberain e Diaby, ma i sostituti bastano e avazano per consigliare al Borussia di fare attenzione. Wenger, che proprio oggi compie 64 anni, è una vecchia volpe. Un francese tra gli eterni rivali inglesi e tedeschi: potrebbe essere lui a dire l’ultima parola. 

Marsiglia-Napoli   Tornando alla gara del Napoli, a Marsiglia sono attesi duemila tifosi azzurri. In viaggio da ieri, i sostenitori azzurri raggiungeranno la città francese con ogni mezzo (organizzati tre voli charter da Napoli). Stasera al Velodrome sono attesi 45 mila spettatori. Intanto, dopo le tre sconfitte consecutive, l’ Olympique Marsiglia ha deciso di allenarsi a porte chiuse. Decisione presa sabato mattina dopo la sconfitta a Nizza che ha gettato un’ombra minacciosa sul futuro della squadra e dell’allenatore Baup. 

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top