Notizie

Benitez: dopo ADL, mercato faraonico al Real?

0d04ce3a061df33f89c44713bc00acb0

Un indizio che fa’ pensare ad una campagna acquisti stellare per il RafaMadrid.
Il primo capitolo dell’esperienza italiana di Rafa Benitez deve aver scottato il tecnico spagnolo. L’Inter di Moratti infatti, da fresca vincitrice del triplete e orfana di Mourinho, chiuse il suo calciomercato con un saldo positivo di 31 milioni. L’acquisto più oneroso fu quello di Andrea Ranocchia (18 milioni).
Da allora, fatta eccezione per i sei mesi al Chelsea da traghettatore, Benitez deve aver evidentemente chiesto garanzie sulla capacità di investimento, prima di accettare ogni panchina.
E infatti, nell’estate del suo approdo a Napoli, la società partenopea ha reinvestito per intero i soldi incassati dalle cessioni (su tutte, quella di Cavani), aggiungendovi altri 27 milioni.

Chiaramente, in una realtà come quella del Real Madrid, le potenzialità economiche aumentano a dismisura. In particolare, un dato che lascia ipotizzare un Florentino Perez disposto ad accontentare le richieste del suo nuovo tecnico è che il presidente delle merengues ha investito per i suoi allenatori, al loro primo anno, un totale di quasi 500 milioni di euro.

Come si può notare, fatta eccezione per Queiroz, l’ultimo allenatore a sedere sulla panchina madridista, non è stato particolarmente “coccolato”. L’acquisto record di Bale infatti è stato in grossa parte finanziato dalle cessioni di Ozil all’Arsenal e dello stesso Higuain al Napoli.

Dopo l’acquisto di Danilo dal Porto per 31 milioni e l’addio di Khedira, è ragionevole quindi pensare ad un sacrificio di uno tra Modric e Illaramendi per tentare l’assalto a Paul Pogba, nel tentativo di equilibrare la mediana dei blancos. Se il francese non dovesse cedere alle lusinghe di Perez, il Real sonderà con tutta probabilità le piste che portano a Gundogan, Kondogbia o Javi Martinez finito ai margini del progetto bavarese di Guardiola.
A Napoli, Benitez ci ha abituato all’abbondanza in attacco. Pertanto, non è peregrina l’ipotesi di una prima punta che si alterni con Benzema e di un esterno alto che faccia rifiatare Bale e Ronaldo. Posto il fortissimo interesse per Sterling del Liverpool, da non scartare le ipotesi che portano a Reus e Jackson Martinez.
Da sciogliere infine il nodo portiere se, come sembra, il Real dovesse accantonare Casillas per investire su David De Gea, attualmente alla corte di Van Gaal allo Utd.

A tre giorni dalla finale di Champions che vede in campo gli storici rivali del Barcellona, Rafa Benitez è già al lavoro per spodestare i blaugrana, conquistare la “undicesima” del Real, undici anni dopo il suo personale trionfo col Liverpool.


Articolo di Fabio Cotone

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top