Notizie

Ciro Ferrara: “Il Napoli e lo scudetto? La penso così”

f57857839bf78ea0a640deb285c12989

L’ex difensore di Napoli e Juventus, oggi opinionista televisivo, ha detto la sua sulle possibilità degli azzurri di vincere il tricolore. In una lunga intervista rilasciata a “Il Mattino”, Ciro Ferrara ha parlato del suo futuro, del calciomercato e della lotta scudetto. Idee chiari soprattutto sul cambio di allenatore fatto dal Napoli: “Su sarri c’è stato iniziale scetticismo nei suoi confronti, ora mi sembra che ci sia entusiasmo. Un anno fa la situazione era differente: a Napoli in estate si parlava di scudetto e il discorso venne rilanciato dopo la vittoria sulla Roma a inizio novembre. Sappiamo come è andata a finire”.

Per la lotta scudetto vede ancora favorita la Juventus, anche se spera che si possa tornare alla sfida tra le cosiddette sette sorelle (Juventus, Milan, Inter, Napoli, Lazio, Roma e Fiorentina): “La favorita resta la Juventus anche se ha perso calciatori di qualità e personalità come Tevez, Pirlo e Vidal”, Ferrara ha poi continuato Al momento, il Napoli non ha un organico super attrezzato: sarà fondamentale l’opera di Sarri, può rappresentare lui il valore aggiunto per il Napoli. A Empoli si è fatto apprezzare per il suo lavoro logico ed essenziale: poche giocate ma fatte bene” Gli acquisti più importanti fatti finora dal Napoli, secondo Ciro Ferrara sono: ” Reina che ha carisma, personalità, leadership. Anima dello spogliatoio, aspetto che conta in un gruppo. E poi Allan, centrocampista che ho visto spesso nell’Udinese: ha qualità e temperamento, meritava questo salto di qualità. Valdifiori e Hysaj hanno fatto bene a Empoli, però la pressione è differente a Napoli: chi ha indossato questa maglia, lo sa”.

Da tecnico dell’Under 21, ha lanciato Insigne: come lo giudica da trequartista?
Ferrara è incuriosito di vedere Insigne nel ruolo di trequartista e l’attacco a due punte del Napoli, che considera tra i migliori d’Italia.

Da ex difensore ha poi fatto il punto sulla difesa del Napoli: “La presenza di un centrocampista davanti alla linea aiuterà il reparto e la fase difensiva. Vedremo se è un problema di modulo o uomini. Ma non si possono discutere calciatori di alto livello come Albiol, un campione del mondo e d’Europa. Non è facile acquistare calciatori italiani o calciatori che giocano già in Italia: costano tanto. E quelli stranieri hanno bisogno dei tempi di ambientamento. È certo che il Napoli ha avuto difficoltà nella zona centrale e che l’ossatura di una squadra, dalla difesa all’attacco, è là, al centro: bisogna lavorare bene, dunque. Romagnoli è un ottimo difensore, ma ai miei tempi valutazioni alte erano attribuibili soltanto a calciatori reduci da sei o sette campionati in un top club”. 

FONTE IL MATTINO

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top