Notizie

De Laurentiis: “Con il Villarreal daremo tutto ma del Milan non parlo. San Paolo? Renzi si svegli”

a85c7a36afdd71f762bf2fc0064c20d3

Il massimo dirigente partenopeo ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni della radio ufficiale del club azzurro. Dopo aver letto in diretta un articolo di un giornale online che esaltava il lavoro della società in questi anni, Aurelio De Laurentiis ha rilasciato le seque ti dichiarazioni:

Sul match di ritorno in Europa League: Al Villarreal ci penseremo da martedì, gli spagnoli verranno qui per dare il tutto per tutto e noi dovremo fare altrettanto”.

 Cosa pensa del trentennale della presidenza Berlusconi: “Se arriverò anche io ad un traguardo del genere dipenderà dalla continuità dei successi e dai tifosi, se vorranno restare con me: io lavoro per loro.
Dobbiamo essere entrambi capaci di lavorare insieme in un mondo che sta cambiando. Il calcio dobbiamo cambiarlo insieme per il bene di questo sport e per il bene soprattutto dei tifosi, che spendono tanti soldi per seguire la squadra del proprio cuore”.

 A proposito di Berluscon, al San Paolo arriva il Milan: “Vorrei evitare di parlarne, la squadra deve restare concentrata e fare il suo lavoro, quando si parla troppo si può finire per dare delle indicazioni al nemico.
Però leggo che segniamo poco con centrocampo e difesa rispetto all’attacco, ma le squadre non possono mai essere omologhe, quando si fa sempre l’esame a qualcuno paragonandolo ad altri è sempre sbagliato, siamo tutti diversi. I paragoni non hanno senso”.
 

Su Bologna-Juve: “I rossoblù sono una squadra allenata molto bene, Donadoni lo abbiamo già visto al Parma, hanno una società seria con persone canadesi ed uno spirito corretto verso i giovani.
Ieri abbiamo visto dei ragazzi molto intriganti, c’era addirittura un diciottenne schierato: nel calcio le cose cambiano, non si può sempre essere vincenti anche se la Juve veniva da 15 vittorie consecutive, un incidente di percorso poteva esserci”.

 Sulla querelle San Paolo: “Abbiamo capito che il decreto legge sugli stadi è inapplicabile, De Magistris è un’ottima persona e lo ha capito. C’è tutta la volontà di fare le cose giuste all’interno delle opportunità che ci verranno offerte da altre leggi, stiamo studiando che cosa poter fare.
Se Renzi potesse dare ai sindaci e ai club una cabina di regia prioritaria, concedendo delle deroghe di percorso per velocizzare qualsiasi attività atta risanare impianti dedicati allo sport sarebbe un grande passo avanti.
Se noi vogliamo pensare alle Olimpiadi in Italia, visto che l’amico Luca Di Montezemolo e Malagò hanno presentato all’Eur questa candidatura, bisogna che gli impianti sportivi vengano rimessi in pista, se a un certo punto lo Stato non ha oggi fondi da mettere a disposizione, almeno per invogliare i privati a mettercene dei propri serve sburocratizzare il tutto.
Il sindaco ed il presidente di una società sportiva devono avere l’autorità per far sì che tali impianti ci mettano in condizione intelligente di essere a disposizione per i Giochi Olimpici. Renzi, svegliati! Non chiediamo denaro, ma una sburocratizzazione per poter fare: smettiamola di cincischiare e di rallentare, che ci ha fatto perdere in questi anni posizioni importanti del mondo”.

 

 

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top