Notizie

De Laurentiis: “Il presidente Beretta si dimetta! Lotito lo comanda a guinzaglio. Sono degli incapaci. Mercato? Stiamo lavorando a fari spenti”

150bf685b90b84d320e27f6bf31c492a

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Queste le sue dichiarazioni: “Quando giocammo noi la Supercoppa rifiutai di andare in Cina, proposi andata e ritorno: una a Torino e una a Napoli. Poi decidemmo di andare in Qatar, i cinesi sono straordinari ma è tutto nuovo in Cina, certo fanno tutto in un anno ciò che noi faremo in 20 anni ma bisogna dargli il tempo di farglielo fare. A Pechino scelsi io l’albergo, mi portai gli chef da Napoli e ci fu un dissidio tra me e la Lega.
La Lega non è la nostra casa, è una delle cose più disorganizzate: il presidente è incapace guidato a guinzaglio da Lotito, dicono di fare cose che non fanno mai. Perché devono essere loro gli organizzatori della Supercoppa? Non sono capaci, non fa parte del loro DNA. Io ho i miei uomini che organizzano tutto, quando devo giocare da qualche parte iniziano a verificare vari fattori almeno un mese prima. Perché la Lega non ha verificato tutto almeno un mese prima? La loro autorevolezza dove sta? Noi a Oporto non potevamo vedere la Supercoppa perché non è stata venduta. Né la Lega né chi di dovere da protezione alle partite di campionato e di quelle giocate in campo internazionale, bisogna fare una grande riunione con la UEFA. Tutto ciò è illegale e chi lo permette è illegale per primo, è inutile parlare del sistema che è un sistema dei cretini.
Queste non sono accuse, sto solo fotografando una realtà. Siamo dei cretini perché sono tre anni che denunciamo tutto ciò, adesso Beretta deve dare le dimissioni e Lotito non deve mettere più bocca, deve stare zitto. La Lega è cosa nostra no di uno e anche qui Lotito comanda tutto, Renzi deve intervenire.

CALCIOMERCATO – Stiamo lavorando a testa bassa e fari spenti, stiamo cercando degli innesti. Bisogna con grande umiltà, lavoro sudore e concentrazione per essere uniti e crescere. La parola chiave di quest’anno p crescere: noi dobbiamo fare innesti giovani che ci diano frutti in futuro come facemmo con Lavezzi e Hamsik. Poi non siamo solo noi che la pensiamo così, anche gli altri si stanno rinforzando. Noi onoreremo sempre la maglia, questo azzurro è fantastico per essere notati e pronti ad esplodere. Giuntoli è una persona dedicata e con grande impegno e alla fine tirerà dal cappello le persone giuste. Credo che stia operando nel modo giusto.
I tifosi devono stare tranquilli e fiduciosi, stiamo lavorando con amore verso questa maglia. Le nozze sono importanti tra le persone che si vogliono bene.
Il 14 agosto? Giuntoli sta chiamando Paparesta per giocare contro il Bari a Benevento. Sarà una bella partita di superallenamento.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top