Notizie

De Laurentiis più che lungimirante: ecco a voi il progetto del San Paolo

e88c403143ae0a81dde94b0909e552aa

Gli è sempre piaciuto correre. Soprattutto con le idee, la progettualità, l’innovazione. Aurelio De Laurentiis è da tempo che sta studiando come trasformare il San Paolo e l’intera area adiacente, in maniera tale da

rendere il quartiere di Fuorigrotta come un fiore all’occhiello della città. «Se è per quello avevo presentato un progetto anche per il lungomare e la zona di Bagnoli, entrambi svaniti nel nulla», ha sottolineato ieri il patron del Napoli, lasciando palazzo San Giacomo, non senza un pizzico di amarezza. Ma ieri, intanto, si è aperto uno spiraglio concreto: l’apertura di un tavolo di confronto tra Comune e Calcio Napoli per trovare la soluzione migliore riguardante il San Paolo e tutta l’area circostante. Senza peraltro contravvenire ad alcuna norma giuridica. Ed in tempi anche piuttosto brevi. 
Si parte dallo stadio. De Laurentiis ha già commissionato ad architetti di fama europea, ed a sue spese, più di un progetto riguardante l’impianto sportivo costruito nel 1959, ristrutturato nel 1990, ed ormai più che fatiscente. Resta solo da scegliere quello più al passo dei tempi. Nonché le modalità d’intervento.
Il progetto prevede l’abolizione della pista d’atletica, l’abbassamento del terreno di gioco, l’abolizione del terzo anello, già inutilizzato per motivi di staticità (rimuovere la copertura di ferro oppure rivestirla con pannelli su cui inserire rotori a display luminosi), palchetti per vip, sale ristoranti con vista sul terreno di gioco, sale intrattenimento, una galleria con negozi. La capienza prevista è intorno alle quarantacinque-cinquantamila unità.
Su Piazzale Tecchio ed anche su Piazzale D’Annunzio sono poi previsti una serie di interventi di arredo urbano avveniristici ed ultramoderni. Ma non finisce qui: De Laurentiis vuol costruire una cittadella dello sport a ridosso della Mostra d’Oltremare per creare la casa del Napoli une comprenda anche il settore giovanile sullo stile della Ciudad Deportiva del Barcellona (otto campi da calcio, foresteria, un’area per il beach soccer, zone per il calcio femminile) e chissà, poter costruire strutture per altre discipline sportive.

Fonte: Corriere dello Sport

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top