Notizie

Del Genio a Radio Club 91: ”Il Napoli deve avere la determinazione della grande squadra e chiudere subito le partite contro le piccole. Si poteva fare di più sul mercato”

7ab0e0bf28273e7a135cb14107c2d328

Paolo Del Genio, giornalista di Canale 8 e direttore di 100x100Napoli, è stato ospite della trasmissione Novantunesimo minuto in onda su Radio Club 91.

”La partita è sempre un’altra cosa, le situazioni ambientali non intervengono, a mio parere, sulla testa del calciatore. Il Napoli deve avere la determinazione della grande squadra e chiudere subito la partita contro le piccole. Bisogna sempre considerare che ogni squadra ha delle risorse, come il Chievo con Paloschi e Maxi Lopez. La cosa importante sarà non lasciare troppi punti per strada come accaduto nello scorso anno. Se il Napoli gioca come sa, per il Chievo c’è poco da fare, visto che al San Paolo anche le grandi squadre soffrono la forza d’urto dell’attacco azzurro’’.

Roma e Juventus vinceranno agevolmente contro Empoli e Udinese?

”Facili mai perché, come visto nella prima giornata, entrambe pur giocando ottime partite hanno rischiato contro Fiorentina e Chievo. Se Roma e Juventus, come ci auguriamo, saranno i nostri riferimenti, giocheremo sempre conoscendo già i loro risultati, visto che giocheranno di sabato a differenza del Napoli”.

Si è rotto il rapporto tra De Laurentiis e Benitez?

‘’Non credo assolutamente ci sia stata una rottura insanabile tra i due, ma sicuramente il rapporto è stato intaccato dal mercato, visto che le richieste di Benitez non sono state esaudite’’.

Questione stadio

‘’Da anni dico che non succederà mai nulla e i fatti, purtroppo, mi stanno dando ragione’’.

Sulle parole di Edoardo De Laurentiis

‘’Ha sbagliato nella forma e a utilizzare il termine ‘fregare’. La sostanza, invece, è condivisibile’’.

Sull’arrivo di David Lopez e sul fatturato

‘’Lopez è stato preso perché sono sfumati gli obiettivi primari. Britos non l’avrei tenuto in rosa, ma ora c’è e insieme a Henrique sarà l’alternativa ad Albiol e Koulibaly. Il Napoli non ha ancora introiti così elevati da potersi permettere grandi investimenti, ma si poteva sicuramente fare di più sul mercato’’.

La mentalità è cambiata rispetto allo scorso anno?

‘’Ora è difficile dirlo a bocce ferme. Bisogna aspettare la risposta del campo’’.

Perché Mertens non rende dal primo minuto come a gara in corso?

‘’E’ vera questa cosa, ma ci sono state tante partite in cui ha fatto benissimo anche dall’inizio. Penso sia assurdo ridurre il belga a giocatore da 30 minuti. E’ un titolarissimo’’.

I nuovi acquisti troveranno subito spazio?

‘’La meritocrazia è un elemento fondamentale del credo di Benitez. I nuovi arrivati, se faranno bene, potranno guadagnarsi il posto. Spero che si crei competitività almeno in 4-5 ruoli’’.

 

 

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top