100×100 Napoli

Notizie

Del Genio (A Tutto Campo): “Hamsik? Al momento il suo campionato è da 5 – Il Procuratore di Inler stia zitto! – Professionismo arbitrale? Ci accorgeremo di aver risolto i problemi quando….”

ca581b6d1396a912166c447ce59cde17

Il Direttore Paolo Del Genio ha risposto alle domande dei telespettatori nel consueto appuntamento con “A Tutto Campo” in onda su Canale 8:

SULLA TATTICA

Gli esterni non ce la fanno a fare le due fasi?

Interessante riflessione. Hai toccato il reparto migliore del Napoli ma hai trovato ai calciatori che lo compongono un difetto. Serviva secondo me un quarto in quel ruolo per averli sempre freschi in tutte le gare.

Il Napoli con il 4-3-3?

No. Si toglierebbe credibilità al progetto e non è detto che con un centrocampista in più non si prenda gol. Hamsik comunque si butta spesso tra i centrocampisti centrali e quindi in alcune fasi di gioco è come se il modulo fosse proprio un 4-3-3. Credo i gol si siano presi a prescindere da questioni tattiche.

Si è preso gol perchè non abbiamo difensori veloci?

No, con una squadra ben messo in campo, ben messe in campo, corte, anche con difensori lenti, hanno preso gol raramente.

SUI CALCIATORI

Spero di poter dare un bel 7 in pagella ad Hamsik a fine della stagione. Al momento gli darei 5, massimo 5,5, con la giustificazione dell’infortunio che man mano che passano le giornate diventa più blanda. Proprio oggi su su 100x100napoli ho scritto un editoriale su questo argomento. Benitez deve valutare una serie di alternative. Io dico Jorginho o Dzemaili al posto dello slovacco. E’ una vicenda che deve essere valutata con molta attenzione. Con questo rendimento non credo sia il caso di tenerlo in campo sempre.

Ghoulam non arriva sul fondo per crossare?

Ha una bella gamba, corsa lunga e può crossare. Ma è vero che al momento non è  una situazione di gioco che si verifica spesso.

Zuniga come Cannavaro?

Cannavaro stava bene e non l’hanno fatto giocare più. Zuniga è invece costretto a stare fermo da un fastidiosissimo infortunio. Credo sia il primo a non essere contento.

Benitez ha implicitamente criticato Zuniga?

A tutti noi ha colpito il fatto il Mister abbia sottolineato con enfasi il grande recupero effettuato da Mesto. Forse sono due discorsi che viaggiano su due binari diversi, ma capisco che possa essere passato per la testa di qualcuno il pensiero Benitez non fosse contento di come Zuniga avesse gestito il suo infortunio. Comunque credo Zuniga sia il più dispiaciuto di tutti. Sulle qualità del colombiano resto della mia opinione. Zuniga è un calciatore fondamentale per il Napoli.

SUL PROCURATORE INLER

Non avrebbe dovuto dire quello che ha detto. Sono interventi destabilizzanti e pericolosi che mettono in conflitto i giocatori. Meglio stia zitto. Invito i colleghi a non chiamare i Procuratori.

Gilardino eventuale acquisto inutile come Donadel?

In questi casi bisogna far degli esempi. Gilardino effettivamente avrebbe voluto giocare in ottica mondiale e forse non era il caso di prenderlo. Ma ci sono soluzioni intermedie. Tipo Paulinho. Questa tipologia di calciatori, di fascia intermedia, credo abbia potuto dare più di Zapata.

SU BENITEZ

Benitez scadente motivatore?

Non sono d’accordo. Il fatto non si agiti in panchina non significa che non sia un gran motivatore. Un esempio: Ancellotti in panchina ci si  siede addirittura, eppure è uno dei più grandi al mondo.

SU “A TUTTO CAMPO”

Lunedi scorso sono stato ospite in un’altra trasmissione ed ho litigato con tutti. Sono andato d’accordo solo con Zazzaroni che tutti si aspettavano fosse quello con cui avrei fatto più scintille. Ho voluto ricordare che la mia trasmissione è totalmente trasversale. Non a caso la prima mail letta stasera è più vicina alla tesi dei miei oppositori di quella sera che alla mia. Questa mail è esempio della trasversalità della mia trasmissione e testimonianza il mio pensiero non condiziona nessuno degli affezionati telespettatori che intervengono.

Dibattito con Fedele?

 In quella sede ho detto quello che pensavo. Adesso sono assenti e non mi va di tornare sulla serata. A prescindere da quella sera, comunque, è verissimo che quando le cose non vanno bene è facile fare le trasmissioni. Quando le cose vanno bene diventa più complicato. Non sono uno che pensa male, ma qualche volta può balenare per la testa il pensiero qualcuno desideri il Napoli vada male per fare trasmissioni più belle.

SULLE AVVERSARIE

Vidic all’Inter?

Simpatizzo per il Manchester e seguo tutte le gare del campionato inglese. Lo conosco benissimo. E’ un calciatore straordinario. Fino a due anni fa era tra i cinque migliori al mondo. Adesso non più. E’ un calciatore in clamorosa parabola discendente. Il Manchester l’avrebbe tenuto se avesse ritenuto Vidic ancora all’altezza.

 Il progetto Roma?

Il progetto generale della Roma mi piace e in ottica Napoli mi preoccupa di più. Ha preso giovani che tra due tre anni potranno essere i migliori, ed è un progetto molto pericoloso per il Napoli.

Il Napoli a che punto sta rispetto a loro?

A livello alto. La Juventus è il top. Ma poi seguono Napoli Roma e Fiorentina. In effetti, anche per quello che dice la classifica, Fiorentina e Roma sono realtà molto pericolose.

SUGLI ARBITRI

Arbitro professionista?

Non mi interessa. Già guadagnano bene. Sono molto attenti già oggi. I giochi di potere sono altri, li possiamo intuire. La salvezza del calcio italiano non è il professionismo arbitrale. Quando vivremo un anno senza favoritismi così accentuati a favore della Juventus, avremmo capito che si sono risolti i problemi arbitrali.

SU MARADONA

Maradona grande perchè ha rifiutato i soldi di Berlusconi?

Mi fa piacere questo intervento. E’ gratificante per i napoletani questo episodio. Un giocatore che rifiuta di guadagnare di più è raro. Maradona voleva vincere con la sua gente. E la sua gente era quella di Napoli. Maradona mi disse: quando andrò via da Napoli non mi vedrete mai vestire la casacca di un’altra squadra italiana. E così è stato.

SULLA SOCIETA’

De Laurentiis parlava di modello Barcellona. Dove è finito questo progetto?

Sono d’accordo. Pensare al discorso del Barcellona è un’utopia, non si realizzeranno mai. da qui però al passare ad una squadra totalmente straniera, mi sembra eccessivo. Bisogna lavorare sul settore giovanile.

Attacchi al Napoli da evitare?

Criticare si, ma nella maniera giusta. Esagerare significa finire nel grottesco e cadere nel ridicolo.

De Laurentiis comunque ha ragione quando dice si cerchi di distruggere tutto dopo una sconfitta. Quello che però lui dovrebbe fare è avere un monitoraggio completo su tutto il panorama dei media napoletani.

Il Presidente del Napoli dovrebbe conoscere la realtà napoletana in maniera più approfondita. Non è detto quello che gli viene riferito sia corrispondente alla verità . E se pure lo fosse, mi sembra normale gli arrivino le cose negative e non le positive che passano puntualmente inosservate.

 

Inside Articles Bottom
To Top