Notizie

Del Genio: “Il problema di Hamsik non è il modulo ma i movimenti”. Pedullà: “Se vuoi sperimentare Hamsik in un altro ruolo, psicologicamente lo uccidi”

3f367234b147b4450669f764d85a96da

Nel corso della trasmissione “Tribuna Stampa”, sono intervenuti: Caiazza, Del Genio, Giordano, Martino, Pedullà e Ugolini. Tanti gli argomenti  toccati. Da Marek Hamsik e la sua condizione non ottimale alla gara con il Torino. 

PORTO-NAPOLI

Caiazza- Bisogna capire se è il Napoli che aveva poche energie o se Benitez ha sbagliato a mettere la formazione in campo. Nella gara di ritorno, se il Porto è quello che abbiamo visto, il Napoli ce la farà. Il Chelsea l’anno scorso non ha mai stravinto ma alla fine ha vinto la Coppa. Benitez in Europa League è bravo a gestire il doppio incontro. Callejon ha giocato bene, Behrami in fase di impostazione ha avuto qualche difficoltà.

Del Genio- Primo tempo negativo. Nel secondo tempo si è visto la debolezza della difesa del Porto. Se alzeranno i ritmi i gol il Napoli li troverà ma non dovranno prenderli. Il Porto ha qualità in attacco ma non in difesa, il Napoli ha possibilità di farcela. Gli azzurri hanno poche energie ma l’atmosfera del San Paolo aiuterà. Benitez ha sbagliato a non inserire Jorginho nella lista di Europa League, con tutte le ragioni che ha avuto, ma chiunque può giocare meglio di Réveillère. Behrami in questo momento deve giocare per forza nella posizione di terzino destro. 

Pedullà- Non si può regalare un tempo agli avversari, devi mettere in difficoltà chi in sette minuti ha dimostrato di ballare il tango. Per quanto riguarda Jorginho, quando scegli e fai la lista dell’Europa League devi scegliere col senno di poi e non del prima. Perché Zapata deve essere sempre il flop? Ieri è stato sfortunato ma ha sbagliato anche chi segna sempre, non puoi dire che è un flop se gioca solo 10 minuti ogni tanto.

Giordano- Pensavo che il Porto fosse più forte. Martinez cifra troppo alta perché non è titolare. Nel ritorno c’è il rischio dell’ansia da prestazione per chi non gioca mai.

Ugolini- Poteva finire peggio ma il Napoli ha avuto delle occasioni che non è riuscito a concludere. Hamsik uscirà presto da questa condizione ma gli azzurri sono ancora in corsa. Il Porto ha qualità ma il Napoli può farcela.

Martino- Il Napoli sfortunato nelle occasioni che ha avuto. Al ritorno ci vorrà il Napoli delle grandi prestazioni, quelle viste contro le grandi squadre. Benitez ha dimostrato di saper cambiare e questo perché si è accorto che la squadra non è al top della forma.

Intervento del Dottor Marzullo su Maggio: “Maggio ha avuto un Pneumotorace, è penetrata aria nel polmone. Avrà avuto una pallonata o una spinta che gli ha causato l’entrata di tale aria. Sono cose che succedono, è abbastanza frequente negli sportivi. Nessun incidente di questo tipo è stato mortale almeno in Italia. Il volo non ha inciso. I tempi di recupero per un’atleta come Maggio non sono lunghi, ora lo staff medico del Napoli deve fare delle indagini per vedere se non ci sono bolle nel polmone del giocatore. Bisogna dare tempo allo staff di indagare. Zuniga? Le ginocchia e il fisico sono diversi in tutte le persone. Dipende anche dalla soglia del dolore, essendo lui un calciatore che corre, avrà accusato il dolore dopo. Quindi la sua soglia di dolore è alta”.

HAMSIK

Caiazza- Io credo che Hamsik rimarrà così fino alla fine. A Napoli un plauso va ai tifosi che continuano a sostenerlo, quando esce dal campo invece di fischiarlo, lo applaudono. Credo che sia uno dei pochi, dopo Maradona, che i tifosi napoletani amano. Benitez è stato chiaro “Giù le mani da Hamsik. Ho piena fiducia in lui”. La squadra, Higuain più di tutti, deve dare una mano ad Hamsik a sbloccarsi.

Del Genio- Il modulo non c’entra ma i movimenti si. Quest’anno c’è chi è stato più bravo di lui a prendersi quegli spazi dove lui si inseriva prima. Marek dovrebbe parlare con Benitez e reinventarsi centrocampista, chi ne capisce di calcio non può bocciarlo. Le squadre che hanno e che seguono Hamsik giocano con il 4-2-3-1. Lui deve dimostrare di essere capace di entrare in una nuova dimensione, quella che lo porta ad essere più lontano dalla porta. L’assenza di Zuniga incide anche sul rendimento di Hamsik, perché il colombiano si portava due uomini e Hamsik quindi si trovava libero.

Pedullà- E’ anche un problema tattico e lui non ha più la libertà di prima. Non credo che siano le solite voci di mercato, se un giocatore vuole andare via va via a prescindere. E’ solo una questione mentale, il mercato ti aiuta a fare meglio. Poi c’è chi dice che voglia andare via per cambiare aria. Se ora lo si sperimenti in un’altra posizione, psicologicamente si uccide il calciatore.

Giordano- Sono sette anni che Hamsik segna tanto ad inizio stagione ma da metà gennaio fino alla primavera ha questo calo. Lui sta attraversando un momento di crisi, sbaglia anche i passaggi più facili ma ne uscirà e i tifosi devono sostenerlo.

Ugolini- Non è un problema fisico ma mentale. Lui sta vivendo un momento non felice e se è colpa del modulo vuol dire che non è un grande giocatore.

Martino- A Benitez serve l’ Hamsik di inizio campionato, quello che passa la palla a Callejon e aiutava negli inserimenti.

COMPETIZIONI

Del Genio- In Coppa Italia hanno deciso di fare le teste di serie e quindi si hanno delle finali tra le grandi mentre in FA Cup no.

Pedullà– La Lazio in Europa League ha regalato una partita ad una squadra non grande. Tra Juventus e Fiorentina già ci sono dei titoli che mettono a processo la prossima gara.

Giordano– Betis è retrocesso, il Benfica può arrivare in finale. Le critiche a Conte sono al contrario, perché non ha schierato Tevez.

Martino– La Premier League è una competizione bellissima ma è rimasto solo il Chelsea. 

PREZZI POPOLARI CONTRO IL PORTO

Caiazza– C’è il rimborso ma si perde il posto assegnato.

Del Genio– Per fare una cosa buona hanno fatto un po’ di confusione, ma in buona fede.

Giordano: La tecnologia di oggi dovrebbe consentire il posto assegnato nel momento in cui si dà il rimborso e quella persona lo ricompra, dovrebbe avere sempre quel posto.

MERCATO, MASCHERANO E REINA

Caiazza– Carmando ha svelato che Mascherano verrà a Napoli. Reina, se il presidente vuole, lui rimane.

Del Genio- La priorità del Napoli è un altro attaccante. Gli acquisti del Napoli di quest’anno dovranno avere una tipologia come quella di Mertens, Albiol e Callejon.

Pedullà– Il Milan ha dimostrato che al momento non può spendere e i tifosi hanno fatto un comunicato alla società molto pesante. Mascherano dire che viene al Napoli e siamo solo a Marzo mi sembra un po’ troppo. Il mercato del Napoli è entrato in un’altra direzione. Il Napoli deve acquistare tre giocatori ma tutti di alto livello. Su Gonalons si è parlato troppo, è un buonissimo centrocampista ma si può fare di meglio. La sua cifra è troppo alta.

Giordano- Su Reina la gente deve ragionare e capire che il Napoli non può permettersi un giocatore con uno stipendio di 5 milioni. 

Ugolini- Reina dipenderà dalle condizioni di Rafael e da De Laurentiis con le condizioni sull’ingaggio.

Martino- Il Napoli sta tenendo d’occhio anche campioni tedeschi e olandesi, una punta e un centrocampista. Credo che Pandev vada via a fine stagione. La squadra va completata.

NAPOLI-ROMA

Caiazza- Roma penalizzata dalle assenze. La partita è stata diversa rispetto a quella col Porto. Al momento mancano tante partite e poi ora c’è il Torino.

Del Genio- Il secondo posto è importante ma il terzo potrebbe essere la stessa cosa. Entrambe hanno concluso le sfide e il Napoli batte la Roma 6-5. Il Napoli ha segnato 6 gol ad una squadra che ha subito solo 15 gol. Quando giochi con squadre di spessore la tensione è diversa, i giocatori sono sulla corda.

Pedullà– Sarà una bella sfida con la Roma per il secondo posto. Gli azzurri devono crederci perché mancano ancora tante partite. Sul mercato se arrivi terzo sarà un po’ confusionario.

Giordano: Il Napoli il secondo posto se lo è posto come obiettivo.

Ugolini- Il secondo posto è un obiettivo ma il Napoli ha le carte in regola per potercela fare. Il centrocampo con Behrami ed Henrique non lo avrei mai fatto. Ecco l’unico neo della stagione del Napoli: l’assenza di Jorginho dalla lista Europa League.

Martino- C’è stata un’emergenza. Ma fa parte del calcio. Il Napoli non avrebbe meritato la vittoria ma ha costruito più il Napoli che la Roma. Vince chi segna ma c’è chi li ha e non riesce a segnare.

TORINO-NAPOLI

Caiazza- Il Torino non è quello delle ultime partite, bisogna vedere come arriva il Napoli alla partita. Ora senza Maggio a destra bisogna vedere Réveillère come si comporterà.

Del Genio- Immobile e Cerci li prenderei entrambi. Mertens, Inler, Dzemaili e Jorginho sono più freschi e potrebbero essere titolari. Dal punto di vista tattico è più difficile col Torino, anche il Porto ha attaccanti veloci ma inciderà il fattore stadio.

Giordano- Il Torino è superabile ma il Napoli dovrà stare attento a Cerci e Immobile. Il Napoli deve vincere.

Ugolini- Contro il Torino potrebbero giocare Jorgihno e Inler, mentre in difesa credo giocherà Fernandez con Britos.

Martino- Il Torino ha qualche problema con Vives squalificato. Se schiera El Kaddouri sarà più offensivo.

 

 

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top