Notizie

Derby di Roma, un caso nazionale

Gli incidenti scoppiati prima e dopo Lazio-Roma, ha aperto un dibattito istituzionale soprattutto per le infiltrazioni di tifoserie straniere Già nell’occhio del ciclone per un inconsueto cambio di data chiesto e ottenuto da Lotito, l’ultimo derby di Roma ha portato alla luce scenari preoccupanti. L’intervento delle forze dell’ordine ha portato al fermo di alcuni teppisti provenienti da paesi stranieri, dei gruppi degli Ultras del West Ham, altri arrivati a Roma dalla Grecia e dalla Bulgari e infine i temutissimi ultras degli Sharks di Cracovia, gruppo di estrema destra come gran parte della tifoseria laziale.  

Inseguito a un altra serata che ha portato tensione e disagi alla Capitale, è arrivata dal Viminale un’indicazione di massima che ha sembra più un out out alla Lega di Serie A.
Secondo il Ministero degli Interni è opportuno che il derby capitolino debba essere giocato sempre di domenica alle 12, e qualunque proposta di spostamento va assolutamente bocciata.

Sempre durante il derby romano, nella tribuna Montemario circa 400 romanisti sono stati protagonisti di risse e incidenti, stuzzicando la curiosità di come queste persone abbiano avuto dei biglietti di un settore non riservato a loro. Dura anche l’accusa del capo della Polizia Pansa: “Non tutte le società collaborano: a parole sì ma nei fatti no”. L’attenzione di Pansa è soprattutto rivolta ai legami tra società e tifo organizzato.

Inside Articles Bottom
To Top