Notizie

E adesso silenzio

d31fe4286096abb180a4fbff1a883664

Ciro non ce l’ha fatta.

Cinquanta giorni in una camera di ospedale non  sono stati sufficienti per riconsegnarlo alla vita. Cinquanta giorni trascorsi da quella maledetta sera del 3 maggio, data della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. Una vittoria sportiva, quella del Napoli, macchiata, oscurata, svilita, da un fatto di cronaca inconcepibile.

Una rissa. Un colpo di pistola. Forse più di qualcuno. Ne segue confusione. La dannata nuvola di indecifrabilità che in Italia contraddistingue ogni increscioso fatto di cronaca.

Si alternano versioni, si avvicendano teorie. Intanto Ciro soffre e veleggia tra scogli ed onde di un mare agitatissimo. I bollettini medici giungono a confortare o a deprimere migliaia di cuori palpitanti interessati alla sua sorte. Versioni che giungono, voci che rimbalzano. Notizie che vanno, informazioni che vengono.

Intanto una vita va, e purtroppo non tornerà mai più.

Inside Articles Bottom
To Top