Notizie

Giordano: ” Vi racconto il mio gol contro il Milan a San Siro. Higuain molto simile a me”

5ab529a5ebdeee2caf2312423d91adb3

E dopo Diego Maradona, anche Bruno Giordano parla di Milan – Napoli, ricomponendo così idealmente la coppia-gol che in quel 13 aprile 1986 espugnò la San Siro rossonera. Passato, presente e futuro prossimo. 

Giodano, è arrivato il momento di tornare a sbancare il fortino rossonero?

Assolutamente sì, io me lo auguro e, soprattutto, ci credo. Sono passati già 27 anni, eppure mi sembra ieri.
Cosa ricorda di quel giorno?
Tutto, il gol prima di ogni altra cosa. Scatto bruciante alle spalle dei difensori e tocco morbido per battere il portiere. Fu un successo che ci diede consapevolezza, l’inizio in pratica di una cavalcata che nella stagione successiva si concluse con lo scudetti. 
Un obiettivo che il Napoli, secondo Lei, può raggiungere nuovamente quest’anno?
Vedremo, è ancora presto per dirlo. Sono passate poche partite, ma la squadra azzurra è sulla buona strada. 
Merito anche di Benitez. Se lo aspettava un impatto così da parte del tecnico spagnolo?
Sinceramente, non ho mai creduto a chi dice che occorrono anni per assemblare dei progetti vincenti. Il Napoli di Benitez ne è la dimostrazione, quando hai giocatori forti ed un allenatore valido che entra in sintonia con loro, allora puoi ottenere immediatamente risultati importanti.
Torniamo alla sfida di stasera: chi sceglie tra Higuain e Balotelli?
Ad oggi, prendo Higuain. Ha già dimostrato il suo valore in Spagna e si sta confermando pure in Italia. Balotelli ha le potenzialità del campione, ma deve far vedere di esserlo per davvero. Di partite che ha vinto da solo mi ricordo solo quella con la Germania all’ Europeo.
Higuain, invece, ha appena abbattuto il Borussia Dortmund. Se lo aspettava così forte?
Non si può essere sorpresi da un giocatore che per tanti anni è stato protagonista nel Real Madrid. Forse c’era curiosità per vedere come si sarebbe adattato al calcio italiano, però le sue qualità erano già note. 
Ha qualcosa in più rispetto a Cavani?
Ha maggiore esperienza internazionale ed anche questo aspetto conta molto, ma soprattutto lo vedo motivatissimo. Il Napoli ha un appeal importante per gli argentini. Per loro, giocare con la maglia di Maradona è particolarmente stimolante. 
E’ il più simile a Lei dei grandi centravanti avuti dal Napoli?
In effetti sì. Sarà perché è stato a lungo in Spagna, ma si vede che gli piace venire incontro e giocare con i compagni proprio come facevo io. Poi, in area di rigo sa farsi valere da centravanti vero. 
Dunque, da Giordano a Higuain, il Napoli può tornare ad espugnare San Siro?
Lo spero e magari segna proprio lui.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top