Calcio&Business

I Punti hanno il loro valore – Al Napoli costano 1.69 a punto

bf8a2b37a0bc1f5510d685634cf7cc2c

Ieri ha avuto inizio il girone di ritorno della nostra Serie A, la vittoria della Juventus ed il pareggio della Roma a Firenze, portano a sette i punti di distacco tra le prime due e riducono il gap della Roma con la terza posizione, quella utile per il preliminare di Champions.

Ma, volendo analizzare quale è stato il club che meglio a saputo sfruttare il proprio parco giocatori in relazione ai punti fatti, emerge una statistica interessante, determinata, appunto, mettendo a confronto il monte ingaggi relativo alla prima parte della stagione, gli ammortamenti dei cartellini dei giocatori relativi al medesimo periodo ed i punti realizzati al termine delle prime 19 partite della stagione.

Da questo punto di vista, il club che ha ottenuto il miglior risultato al termine del girone d’andata è la Sampdoria del presidente Ferrero. A fronte di un costo totale della rosa, che nella prima parte della stagione è stato pari a soli 17,36 milioni, la squadra blucerchiata, ha ottenuto ben 33 punti, che attualmente valgono il terzo posto nella classifica di Serie A. In altre parole, ciascun punto realizzato, è costato in media circa 526 mila euro.

Subito dietro la Sampdoria, in questa particolare graduatoria, figura l’altro club del capoluogo ligure: il Genoa. I giocatori che hanno fatto parte della gloriosa squadra rossoblu nel girone d’andata hanno avuto un costo sul bilancio di circa 18 milioni, a fronte dei 28 punti realizzati sul campo, per un costo medio per ciascun punto di circa 645 mila euro.

Sotto la soglia del milione di euro a punto anche la Fiorentina. Il peso della rosa sul bilancio della squadra Viola, nella prima parte della stagione, è stato pari a 29,3 milioni, mentre i punti conquistati dalla squadra di Montella sono stati alla fine del girone d’andata 30, pari a un costo medio di ciascun punto di 977 mila euro.

Tra le squadre di vertice il cui costo della rosa, tra ingaggi lordi e ammortamenti, è inferiore alla soglia dei 100 milioni di euro annui troviamo la Lazio. I giocatori nella rosa biancoceleste nella prima parte della stagione 2014/15 peseranno tra ingaggi e ammortamenti nella semestrale del club per un valore di 31 milioni circa. A fronte di questo costo sul campo hanno conquistato 31 punti, equivalenti ad un costo medio di ciascun punto di circa 1 milione.

E’ invece un testa a testa, così come sul campo, tra Juventus e Roma. Ma se in campionato i bianconeri, forti di 7 punti di distacco sui giallorossi, sono in vantaggio, in questa speciale graduatoria restano lievemente staccati dal club giallorosso. Il costo della rosa della Roma, nella prima parte della stagione è infatti di 65,4 milioni, mentre quello della Juve di 73,6 milioni. Pertanto il costo medio dei punti della Roma è stato nel girone d’andata di 1,596 milioni, mentre quello dei bianconeri di 1,599 milioni.

Poco più costosi i punti conquistati dal Napoli, pari a circa 1,69 milioni. Il club partenopeo che, è bene precisarlo, adotta un sistema di ammortamento non a quote costanti ma con aliquote decrescenti (i nuovi acquisti vengono spesati maggiormente nei primi anni di contratto), ha realizzato finora 33 punti ma, a fronte di un costo complessivo, che nella prima parte della stagione è stato di 55,84 milioni.

A chiudere la graduatori sul costo medio dei punti conquistati figurano le due milanesi. L’Inter dovrebbe contabilizzare nel primo semestre dell’esercizio 2014/15 un costo della rosa di circa di 52,4 milioni. Considerato che i punti realizzati in questo avvio di stagione sono stati 26 il costo medio di ogni punto, alla fine del girone d’andata, è stato di 2,01 milioni.

Peggio, tra le grandi, ha fatto solo il Milan. Nonostante il peso degli ammortamenti dei giocatori in sia inferiore a quello di Inter, Roma, Napoli e Juventus, il fatto di avere comunque il terzo monte ingaggi della Serie A ha pesato sul rapporto costi/punti. Per ciascun punto realizzato, ha sopportato costi pari a 2,39 milioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top