Notizie

Inler: “Saro’ il capitano in una Coppa del Mondo per la prima volta. Che responsabilità! Devo caricare gli altri compagni”

2b038789335c5f97f690e37793701a9e

Il giocatore del Napoli, Gokhan Inler, che è il capitano di La Nati, come è nota la Svizzera, ha risposto tramite e-mail, ad un’intervista esclusiva con LANCE Net!, e ha parlato del grande sogno degli svizzeri nel mondiale: “Sarebbe fantastico per noi giocare contro il Brasile. Faremo di tutto per arrivare il più lontano possibile. Abbiamo una squadra di talento e daremo il massimo”. Qui di seguito il resto dell’intervista:

La Svizzera ha subìto un solo gol nelle ultime due Coppe del Mondo. Nelle qualificazioni sono stati appena 6 su 10 partite giocate. Qual è il segreto di questo sistema difensivo? 
“Ottmar Hitzfeld, che è il nostro allenatore da sei anni, ha mostrato in questo periodo di essere un grande allenatore. È riuscito a trovare giovani talenti per la squadra nazionale. Per questo la Svizzera è diventata forte e competitiva. È una sfida per rendere la nostra squadra sempre più forte. Credo che per la Coppa del Mondo in Brasile sono entrambi forti, sia l’aspetto difensivo, che offensivo”.

Qual è la grande eredità del tecnico tedesco in questo ciclo per la Coppa del Mondo del 2014?
Hai vinto la partita amichevole svoltasi in Brasile, poco dopo la Confederations Cup. Credi che questo risultato significa che la Svizzera ha raggiunto la visione del mondo in modo diverso?
“Ottmar Hitzfeld aggiunge un sacco. Vogliamo dargli una grande campagna, a lui ma anche all’allenatore che verrà a prendere il suo posto dopo la Coppa del Mondo (Vladimir Petkovic, che era in Lazio). Credo che i nostri buoni risultati continueranno. Circa la vittoria contro il Brasile, era solo una amichevole. Naturalmente è stato un grande momento superare una grande squadra come il Brasile, che ha grandi giocatori”.

Che grado di difficoltà nel Gruppo E? Crede che la squadra può andare prima e di evitare, in teoria, Argentina logo nei quarti di finale della competizione?
“Quindi Non e ‘un interruttore facile. Ecuador ha fatto una buona campagna nelle qualificazioni sudamericane e preoccupa molto. Faccia Honduras nel 2010, e non poteva superarli e simpatizzare reti inviolate. Così, abbiamo eliminato. Circa la Francia è una delle migliori squadre europee. Dobbiamo fare del nostro meglio per andare avanti ai quarti di finale”.

La preoccupazione principale delle squadre europee è di giocare con il calore che c’è in alcune regioni del Brasile? E poi influisce anche la fine della stagione in Europa…
“Le squadre sudamericane hanno indubbiamente un vantaggio. Siamo pronti a psicologicamente alla variazione climatica. Anche così, credo che gli europei si siano anche rafforzati”. 

Quanto pensi che si possa ottenere?
“Onestamente, non ho pensato molto ai quarti di finale. Il nostro primo obiettivo è ottenere un buon posizionamento per le ottave. La fase knockout dipende in gran parte dalle condizioni di quel giorno. Posso dire che siamo pronti per qualsiasi sfida”.

Chi come principali concorrenti per il titolo? Avete una certa simpatia per la selezione se la Svizzera non raggiunge la fine? 
“È difficile individuare preferiti. Prima vediamo chi avanzerà ai quarti di finale”. 

Qual è la responsabilità di essere il capitano del suo paese in un Mondiale giocato in Brasile? 
“È una grande responsabilità. Sarò capitano in una Coppa del Mondo per la prima volta. Non possiamo pensare solo individualmente, ma come squadra. Questo è il ruolo di un leader. Darò il mio meglio. La mia responsabilità è quella di caricare i giocatori”.

Com’è il tuo rapporto con i brasiliani? Hai parlato con Henry, dopo la convocazione di entrambi per la Coppa del Mondo?
“Ho un buon rapporto con i brasiliani. Sono molto comunicativi e divertenti e ciò rende facile fare amicizia. Ero felice di sapere che Henry fosse sulla lista. Gli auguro tutta la fortuna in Coppa del Mondo”.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top