Notizie

Insigne al San Paolo con la Nazionale: un napoletano davanti ai propri tifosi. Come altri big del passato…

ccdc9739c83f032bb1c664f00a4afaf7

Un napoletano in Nazionale e per di più titolare al San Paolo. D’accordo, Lorenzo Insigne è cresciuto a Frattamaggiore, non proprio a Napoli, ma siamo lì, napoletano per nascita ed estensione lo è di certo. C’è bisogno di creare l’atmosfera per la partita con l’Armenia, match di scarso richiamo. Qualificazione azzurra già al sicuro e avversario di secondo piano.  La prevendita  dei biglietti non marcia spedita e l’annuncio di Insigne in campo dall’inizio della partita potrebbe dare una bella spinta. Prandelli ha provato l’attaccante ieri pomeriggio a Coverciano, all’interno di un tridente completato da Florenzi e Gilardino. Sarebbe intrigante anche la coppia formata da Lorenzito e Pepito Rossi, due piccoletti alla riscossa. Insigne viene da giorni ad andamento ridotto, per via del risentimento muscolare avvertito con l’Arsenal, ma appare recuperato, abile e arruolabile. Quella di martedì sarebbe la sua quarta volta in nazionale: la prima a Modena contro Malta, poco più di un anno fa, quando entrò al principio della ripresa. Poi il secondo tempo contro l’Argentina, nell’amichevole “papale” di agosto, impreziosita da un gol bellissimo, il primo con l’azzurro dell’Italia. Da ultimo l’ora abbondante in Italia-Bulgaria di settembre, sua prima presenza da titolare. Insigne, però, in questo inizio di stagione col Napoli ha segnato appena una rete in nove partite ufficiali. Gol importantissimo, la splendida punizione che ha abbattuto il Borussia Dortmund in Champions. L’Armenia è l’occasione buona per rimpinguare lo score generale e non va sottovalutato un segno: martedì dovrebbe giocare Henrikh Mkhitaryan, talento armeno del Borussia, in campo al San Paolo nell’incontro d Champions deciso dalla punizione di Insigne. Non sono molti i napoletani che hanno giocato con la maglia della nazionale al San Paolo. Qui ne citiamo tre: Fabio Cannavaro, originario di Fuorigrotta, lo sfizio se l’è tolto per cinque volte, tra il 1987 e il 2006; Ciro Ferrara, di Posillipo, per tre, fra il 1987 e il 1997; e poi c’è il caso di Antonio Juliano, mitico centrocampista di San Giovanni a Teduccio che al San Paolo disputò la storica semifinale con l’Urss dell’Europeo, quella decisa alla monetina. Nomi grossi, ai quali Insigne non vede l’ora di unirsi.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top