Notizie

Inzaghi: “Orgoglioso dei miei, abbiamo dimostrato carattere. Non mi piace fare il sergente cattivo”

1cb4a0c8363cf7b61e4bae3b726f5dfc

Nel dopopartita di Milan-Napoli è intervenuto ai microfoni di Sky, Mediaset Premium e Rai, l’allenatore rossonero Filippo Inzaghi. Ecco quanto raccolto da 100x100Napoli «I nostri infortunati sono giocatori importanti, si sopperisce alla loro mancanza con queste partite: abbiamo dimostrato carattere e di essere una squadra. Sono orgoglioso dei miei». 

«Vedo i miei giocatori lavorare bene in settimana, siamo sulla strada giusta. Dobbiamo ancora crescere e fare qualcosa in più per diventare una grande squadra. Avevamo preparato bene la partita, sono soddisfatto del lavoro dei ragazzi. È stato importante anche l’atteggiamento di chi è entrato, avevano tutti la bava alla bocca. Contro il Genoa ho alzato la voce perché ero dispiaciuto per come avevamo perso, ma non mi piace fare il sergente cattivo». 

«Montolivo? Volevo recuperare quanto prima la sua condizione. Il suo ruolo per noi è molto importante. Sono contento di restituire al calcio italiano un giocatore così». 

«Ho rivisto la partita dell’anno scorso tra Milan e Napoli e ho scelto Honda e Bonaventura per dare una mano al centrocampo. Le mosse sono state azzeccate». 

«Terzo posto? Non sono in disaccordo con il presidente, il mio obiettivo è far dare a questi giocatori il 100%». 

Così a Mediaset Premium: “La squadra è stata fantastica. Dopo il Genoa sapevo che si rialzavano e i risultati sono arrivati”.

Siete da Champions?
“Questa serate serve per farci crescere. Devo pensare a far crescere la squadra partita dopo partita”.

Il presidente lo sa che ci vuole pazienza per la Champions?
“Il campionato è lungo. Tutti vogliamo la Champions”.

Menez ha il suo ruolo?
“Lui sa dove deve giocare. Ha velocità e tiro che possono far male. Oggi ci voleva un grande Milan per battere il Napoli. sono orgoglioso per lo spirito di squadra che i miei ragazzi hanno avuto”.

Così alla Rai
Perché ha cambiato modulo?
“Una grande partita, battere il Napoli era difficile, ci voleva una grande gara da parte di tutta la squadra, abbiamo mostrato grande spirito e grande sacrifico. Sono molto felice per i nostri tifosi, la società e per il presidente. Grande idea per la formazione l’ho avuta dalla partita dello scorso anno persa dal Milan 2 a 1, ho pensato che in fase di non possesso potevamo bloccare i loro due mediani e fare male tra loro e il terzino, abbiamo provato in settimana e sono contento sia venuta questa giocata. Nel secondo tempo mi sono coperto perché era un gioco molto dispendioso, speravo di andare in vantaggio e poi coprire, Montolivo continuava a crescere nel corso della partita e fai fatica a tirare via un giocatore così. De Jong è un giocatore insostituibile, Montolivo si abbassa sempre e gioca con lui, più che mezze ale sono due mediani. Davanti ho l’imbarazzo della scelta, quando giochiamo così ne giocano tre, l’emblema di oggi è come sono entrati i ragazzi, con la bava alla bocca, lavorando in quel modo possiamo prenderci anche qualche bella soddisfazione”. 

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top