Schede Tecniche

Jorginho: un nuovo acquisto per un nuovo Napoli

9b257e5d53552ed464780f3e3eb499e6

L’excursus calcistico:
Ecco, ve lo presentiamo, si chiama Jorge Luiz Frello Filho, chiamato da tutti comunemente Jorginho, giocatore brasiliano di origini italiane, nato ad Imbituba (Bra) il 20 dicembre del 1991.
Sin da piccolo ha dedicato mente e corpo al calcio, fin quando, all’età di 15 anni non ha deciso di lasciare la sua famiglia e i suoi amici per trasferirsi in Italia, dove ha cominciato a tutti gli effetti la sua carriera calcistica con il il San Martino Speme, poi Riccardo Prisciantelli, all’epoca responsabile del settore giovanile dell’Hellas Verona, si accorse di lui e decise di tesserarlo per una spesa di circa 35 mila euro. Cresciuto calcisticamente a Verona, ha giocato un torneo di Viareggio con il Sassuolo per poi, nel 2010/11, giocare un anno in Seconda Divisione con la Sambonifacese: un gol in 31 presenze. 

CARRIERA

Nell’estate del 2011 il ritorno al Verona: 2 gol in 32 partite, playoff compresi, nel torneo di B-2011/12, 2 reti in 41 presenze nello scorso torneo cadetto ed i 7 gol in 18 presenze in questo girone d’andata di serie A dove ha esordito in Verona-Milan 2-1 dello scorso 24 agosto e dove è sempre stato schierato tra i titolari saltando, per influenza, soltanto la trasferta di Catania del 14 dicembre.

Vanta anche 2 presenze nella coppa di Lega Pro con la Sambonifacese e 5 in coppa Italia TIM con il Verona.Questo fino a qualche giorno fa della stagione attuale 2013-2014 in cui si è trasferito nel Napoli. Le cifre del passaggio al Napoli sarebbero queste: cinque milioni di euro al Verona per la metà del cartellino con opzione (obbligo) di riscatto a favore del Napoli per l’altra metà, fissata allo stesso prezzo, da esercitare al termine della stagione. L’ingaggio dovrebbe aggirarsi intorno al milione di euro, compresi bonus, mentre la durata del contratto dovrebbe essere di quatto anni e mezzo.

CARATTERISTICHE TECNICHE 

Jorginho ha la capacità di giocare sia come regista davanti alla difesa o come mezz’ala in un centrocampo a tre: proprio quello di cui il Napoli aveva bisogno. A volte Mandorlini lo ha utilizzato anche come trequartista “mascherato”, con compiti di regia alle spalle delle punte. Il ragazzo, sebbene così esile con i suoi 65 kg per 1.80 di altezza, è dotato di una tecnica raffinata, di una buona visione di gioco e ancor più, sa giostrarsi benissimo negli spazi stretti godendo anche di un’ottima precisione nei passaggi. Insomma, un regista perfetto per completare la rosa di Benitez e per fruire da centrocampista davanti alla difesa, proprio come solo Hamsik al momento sa fare. Potrebbe essere proprio quel giocatore capace di coordinare i suoi compagni e di capovolgere le partite. 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top