Notizie

L’Europa delle sorprese. Dal Torino al Villareal, come sono cambiate le gerarchie del calcio

d186f344e03aba9c9d6313423336fa22

Nei principali campionati europei, le squadra di seconda fascia sono ai vertici delle classifiche. Almeno per ora.  Quest’anno sembra tirare un’aria nuova nel calcio europeo. Sono molte le squadre che nei vari campionati nazionali, pur non avendo fatto campagne acquisti faraoniche, sono riuscite a ritagliarsi una prima parte di stagione di gloria.

In Francia, alle spalle della corazzata PSG, Rennes, Reims, Angers e Caen stanno dando filo da torcere alle big. Il Reims addirittura è riuscito a vincere con il Bordeaux in trasferta e con il Marsiglia in casa, pareggiando anche con il PSG. Le rose di queste squadre cosiddette di provincia, non presentano nomi notissimi al calcio internazionale, ma il gioco basato sul collettivo e il grande spirito di gruppo hanno reso queste formazioni difficili da battere anche per i club più importanti di Francia.

In Spagna il Villareal sembra essere tornato la squadra che con Pepito Rossi in attacco faceva tremare l’Europa. Il “sottomarino giallo”, dopo il successo sull’Atletico Madrid ha messo in fila addirittura Barca e Real Madrid. Un ruolino di marcia impressionante con 5 vittorie e 1 pareggio, nessuna sconfitta. Il Villareal del tecnico Garcia Toral, ha nell’ex Napoli Ruiz e l’argentino Musacchio i due pilastri di una difesa che ha subìto appena 4 gol. L’ex Barca dos Santos e l’ex Valencia Soldado sono i punti di forza dell’attacco. Sempre nella Liga spagnola, il Celta Vigo è una delle protagoniste. In classifica è a pari punti del potentissimo Real Madrid ed è avanti all’Atletico di Simeone. Con 15 gol all’attivo è il miglior attacco del campionato, malgrado nelle sue fila non ci sono nè Messi nè Ronaldo. 

In Inghilterra sono i londinesi del West Ham la grande sorpresa della Premier League. Il tecnico Bilic ha costruito le fortune degli “Hammers” vincendo in trasferta: 1-2 con il Manchester City, 0-3 con il Liverpool e 0-2 con l’Arsenal, affidandosi alla voglia di riscatto di calciatori come Ogbonna, Obiang, Carroll, Song e Zarate.

In Italia la situazione non è diversa. La Fiorentina, contestata a inizio stagione dai tifosi, comanda la classifica (a pari punti con la favoritissima Inter dei grandi investimenti di mercato) e il Torino (che si è mosso con grande intelligenza sul mercato) insegue a un solo punto dalla vetta, prendendosi il posto vuoto lasciato dai cugini bianconeri, in grande difficoltà dopo i quattro scudetti vinti consecutivamente. Nelle zone nobili, Sassuolo (a 12 punti con la Lazio) e il Chievo (a 11 con la Roma) hanno sostituito Milan e Napoli che sembrano soffrire il mal di trasferta.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top