Notizie

La stagione del Napoli: la riscossa della difesa

335b8789a3dde23cb91d498cfedde6cd

100x100napoli.it analizza la stagione del Napoli reparto per reparto. La prima puntata è dedicata alla difesa, in gran ripresa dopo le difficoltà della scorsa stagione. La difesa è stato il reparto che probabilmente ha beneficiato più di tutti gli altri dell’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina azzurra. Il tecnico toscano ha messo a punto la fase difensiva, coinvolgendo ogni calciatore in campo alla ricerca di un equilibrio trovato con il 4-3-3 dopo qualche incertezza iniziale. Un’organizzazione che ha rivitalizzato diversi elementi ed esaltato il potenziale di Koulibaly oltre ad aver visto con Hysaj una promessa diventare certezza. Una delle grandi differenze rispetto alla scorsa stagione è in porta. Un reparto quasi completamente nuovo, con il ritorno di Pepe Reina, l’arrivo di Gabriel dopo la promozione conquistata a Carpi e Rafael “retrocesso” al ruolo di terzo. Proprio l’ex-Santos non ha mai visto il campo, schiacciato dai due colleghi. Solo 4 presenze per Gabriel, tre in Europa League e una in campionato nella sciagurata trasferta di Udine. Pepe Reina ha restituito sicurezza alla difesa guidandola in campo ed ha dato un grande contributo con la sua personalità esuberante e la vicinanza ai tifosi. Per 18 volte ha tenuto la porta inviolata in 44 presenze e soli 34 gol subiti, di cui 29 in campionato.  Bilancio già nettamente migliore rispetto a quello della stagione precedente che, solo in Serie A, vide gli estremi difensori partenopei raccogliere per 54 volte il pallone dalla propria porta (67 le reti totali subite dal Napoli di Benitez in 59 match).

Il quartetto difensivo titolare colleziona: Hysaj 3821 minuti, Albiol 3633, Koulibaly 3775 e Ghoulam 3361. In 48 match stagionali, i “titolarissimi” scendono in campo rispettivamente: Hysaj in 43 partite, Albiol in 39, Koulibaly 42 e Ghoulam 38. Numeri e dati che, se confrontati con quelle degli altri componenti della difesa, sono altamente sproporzionati. Maggio, Chiriches e Strinic sono le “seconde linee” che hanno un minutaggio più “elevato” (rispettivamente 1018, 1554 e 881 minuti) ed hanno totalizzato 15, 17 e 13 presenze stagionali. Il quadro si completa con i 14 minuti collezionati da Luperto in Europa League contro il Legia Varsavia e dai 13 di Regini nell’ultimo match interno contro il Frosinone. Un ulteriore dato interessante è dato dal numero di gol ed assist forniti dai componenti del reparto. Sono 4 le reti realizzate (due da Chiriches ed una a testa per Albiol e Maggio) tra campionato ed Europa. 7 invece sono gli assist che hanno mandato a segno Higuain e compagni nelle due competizioni (tre realizzati da Ghoulam, due da Hysaj ed uno da Albiol e Koulibaly). Tutti numeri e dati che, interpretati nella maniera opportuna, consentono di attestare la crescita dell’intera squadra e nello specifico del reparto difensivo. Il gap con la Juventus si è accorciato. Tocca alla società mettere Sarri nella condizione di poter migliorare ulteriormente i risultati raggiunti in questa storica annata.

A cura di Valerio Intermoia e Alessandro De Mattia.

Inside Articles Bottom
To Top