Notizie

Sarri: ”La partita per la quale ho più rimpianti è quella di Bologna, ma il sogno non si azzera”.

ee61f899b81dfc69bd6c930cb54288f3

Rileggi il live della conferenza stampa di Maurizio Sarri pre Palermo-Napoli
Inizia la conferenza

Domani tocca al Napoli dopo la vittoria della Juve di ieri sera.

Dobbiamo pensare solo a noi, non mi piace che si giochi in orari e giorni sfalsati, fosse per me si giocherebbe sempre alle 15 (ride ndr), sono un uomo vecchio stampo, è inutile guardare le altre, non possiamo fare niente contro una squadra che da 5 mesi sta vincendo ininterrottamente, troveremo una squadra che ha un organico nettamente superiore alla posizione di classifica in cui si trova, è una partita da prendere con grande attenzione.

Non saprai come Novellino metterà la formazione, andrai senza punti di riferimento?

Non avremo punti di riferimento tattici, per noi sarà difficilissimo preparare questo tipo di partita, sarà un match pieno di incognite. La storia di Novellino dice che gioca con la difesa a 4 ma non so se riuscirà a metterla in pratica.

Cosa chiedi al gruppo per queste ultime 10 finali?

Devono continuare a fare quello che stanno facendo e giocarsela fino in fondo devono pensare partita per partita senza mai guardare le altre squadra, prima dell’allenamento ho detto a loro chi guarda la Juventus è una testa di c..

Come stanno andando gli allenamenti sapendo di affrontare una sola competizione?

Sicuramente è un altro modo di approcciare le partite, una situazione senza stress mentale con energie migliori.

La sua situazione contrattuale, ne vuole parlare?

Sicuramente non si deciderà a Palermo, la testa deve essere solo concentrata sulle partite che ci sono da fare.

La differenza tra il Napoli e la Juve è mentale?

Bisogna partire dal presupposto che la Juve vince sempre che giochi contemporaneamente o no, l’hanno scorso hanno fatto una finale di Champions è ovvio che dal punto di vista mentale siano avvantaggiati, la Juventus negli ultimi 5 anni ha fatto benissimo e al di la dello strapotere economico ha dei giocatori eccezionali.

Lei vorrebbe più una squadra in grado di concretizzare il lavoro fatto durante la settimana?

Io voglio una squadra equilibrata e che non prenda gol subito come è successo nelle ultime partite, sta succedendo da troppe partite non posso pensare più che si tratti di sfortuna anche se la fase difensiva è di ottimo livello.

Dovendo scegliere una gara dove può avere un rimpianto sceglie la gara di Torino o con il Milan?

Bologna tutta la vita, non quella con il Milan che ha gli stessi numeri della partita con il Chievo per occasioni da gol prodotte, per quello che riguarda la partita di Torino è stata una dimostrazione di grande forza, abbiamo giocato alla pari con la Juventus cosa che ha fatto soltanto il Bayern Monaco in questa stagione.

Quanto pensi che Novellino in queste 48 ore possa influire sulla squadra?

In queste situazioni non c’è allenatore che possa influire, solamente un pò dal punto di vista mentale, dobbiamo avere solo paura dei singoli e di una squadra di buon livello che in una situazione del genere può diventare pericolosa.

Le tue percentuali di vincere lo scudetto?

Siamo in una situazione eccezionale, se guardiamo le nostre forze stiamo facendo un ottimo campionato, il sogno scudetto non si azzera.

Ti piacerebbe allenare la nazionale?

In futuro è difficile da dire, in questo momento sento la necessità di avere una squadra mia da allenare tutti i giorni.

Termina la conferenza

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top