Notizie

Maurizio Sarri apre uno scenario apocalittico

a4f124ad7f7e816109faf2ebff0ee2d8

C’è chi va, c’è chi viene è un modo di dire che in questa fase storica della stagione lascia spazio al più attuale: “c’è chi va, c’è chi resta”.

 

In Italia è impazzato il toto-allenatore.

Le voci sono tante, le certezze poche. Ma perchè tanta confusione?

L’aggressività mediatica dei media, la curiosità giornalistica che si tramuta in pressioni, telefonate, indagini, si scontra spesso e malvolentieri contro le manovre svianti degli addetti ai lavori.

Raramente, e sovente molto vicino ai margini conclusivi delle trattative, vengono alla luce le verità.

Piuttosto che inseguire i passi e i movimenti del Presidente De Laurentiis, che rischiano di essere fuorvianti, conviene cimentarsi in una partita a dama contro se stessi. Magari, alla fine del confronto, ci accorgeremmo che ogni pedina sarà magicamente al suo posto.

L’ANALISI

Dal Milan, decimo in classifica, in su, fino ad arrivare alla Juventus, gli allenatori certi di aver confermato la permanenza sulla propria panchina sono: Allegri (Juventus), Pioli (Lazio), Gasperini (Genoa), Mancini (Inter) e Ventura (Torino).

La Sampdoria ha altrettante certezze, avendo salutato Sinisa Mihajlovic ed annunciato proprio oggi Walter Zenga.

Il Milan, salvo colpi di scena, dovrebbe ingaggiare proprio l’ex tecnico della Sampdoria al posto del silurato Inzaghi.

Quella che ha la quasi certezza di non avere il mister è la Fiorentina. Vincenzo Montella, infatti, sta parlando col suo inequivocabile ma significativo silenzio. Il ciclo-Fiorentina, per lui, è praticamente chiuso.

Non abbiamo citato la Roma. Le dichiarazioni rilasciate qualche ora fa da Maurizio Sarri, ex tecnico dell’Empoli, hanno aperto ulteriori interessantissimi scenari: “Mi ha cercato la Roma – ha dichiarato il tecnico. Una confessione che ha fatto luce sulle perplessità della società capitolina relativamente ad un tecnico, Rudi Garcia, che solamente qualche mese fa era l’allenatore meno discusso d’Europa.

Pertanto, anche la Roma cova desiderio di cambiamento?

Dunque, dalla cintola in sù, l’unica compagine sicuramente senza tecnico è il Napoli.

PROVIAMO A FARE UN PO’ DI CHIAREZZA

Chi è stato l’allenatore più sorprendente della massima serie? Anche su questo, non vi sono dubbi: Maurizio Sarri.

Il tecnico che ha stupito ad Empoli, non ha rinnovato il contratto con la società toscana.

Cosa c’è alle spalle di questo rifiuto? Banale domanda, ovvia risposta: un interesse. Di chi? Una società straniera? Improbabile.

Dunque, il tecnico (tra l’altro nativo di Napoli), sicuramente approderà in una delle squadre di serie A più blasonate dell’abbandonato Empoli. Fiorentina-Roma-Napoli sarebbero le panchine libere.

Maurizio Sarri, dunque, siederà, molto probabilmente, su una di queste tre panchine.

Difficile, ma non impossibile il tecnico finisca al Napoli. Più verosimile non si sposti molto da Empoli, direzione Firenze. Il che vorrebbe dire si liberi Montella.

Ma potrebbe anche finire incredibilmente alla Roma. Il che vorrebbe dire che sul mercato finirebbe colui che ha risollevato la Roma dalle macerie lasciate da Luis Enrique, Rudi Garcia.

Insomma ad oggi risulta veramente difficoltoso intuire la strada giusta da percorrere, ma una cosa sembra abbastanza evidente: la sensazione è che la partita del toto-allenatore si giochi in Italia, e non è impensabile ADL stia tergiversando proprio perchè sorpreso dallo scenario apocalittico che si prospetta.

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top