Notizie

Mauro Guerrera: “Sconfitte con Juventus e Villareal solo sfortuna. Totti? Io sono un romantico del calcio”

c9f9e9d7e664e4999b8ef3f47cdcb4f6

Il redattore di 100×100 Napoli ai microfoni di Radio Antenna Uno ha commentato il momento del Napoli dopo le sconfitte con Juventus e Villareal. Con Maria Grazia De Chiara conduttrice della trasmissione radiofonica “Uno in goal”, trasmessa da Radio Antenna Uno, si è parlato delle sensazioni dell’immediata vigilia del match contro il Milan.

La tifoseria del Napoli è combattuta, da una parte c’è tanta euforia dall’altra c’è pessimismo per la sfida di stasera contro il Milan.

“Capisco chi è pessimista, anche se secondo me più che di pessimismo si tratta di paura che una eventuale non vittoria del Napoli stasera possa avere ripercussioni sul morale della squadra. Però personalmente sono ottimista perchè le due sconfitte con Juventus e Villareal sono state il frutto di due episodi sfortunati”.

Però è stasera che si può fare il sorpasso…

“La classifica dice che una vittoria permetterebbe al Napoli di tornare in testa e, aggiungerei, con pieno merito perchè il Napoli sta giocando il miglior calcio del campionato e non è certo la sconfitta di Torino che mette in dubbio questa mia certezza. Anzi, sono convinto che la sconfitta con la Juventus è un punto di crescita per la squadra. Sono anche convinto che Sarri stasera saprà dare la giusta carica per raggiungere l’obiettivo che a Napoli tutti si augurano”.

Ti aspettavi il pareggio tra Bologna e Juventus che poi alla fine ha favorito il Napoli?

“Sinceramente no, però quando ho letto le formazioni e ho visto che Dybala non sarebbe partito titolare, l’ottimismo è aumentato. In tanti sostengono che il Napoli è Higuain dipendente, ma secondo me è la Juventus che è Dybala dipendente. La partita con il Bologna lo ha dimostrato. senza il fuoriclasse argentino in campo il Bologna avrebbe meritato qualcosina in più, poi appena entrato in campo la Juventus ha iniziato ad essere pericolosa.”

Sarri ha scelto la strada del silenzio per la partita di stasera: secondo te ha fatto bene?

“Secondo il mio punto di vista sì, per due motivi: per essere concentrati sull’obiettivo e poi per evitare eventuali spunti polemici dopo due sconfitte consecutive che, ribadisco, sono state il frutto di episodi sfortunati”.

Quindi non hai visto un momento di flessione degli azzurri’

“Se guardiamo la sfida con il Villareal, c’è da dire che le cosiddette seconde linee hanno saputo tenere testa alla squadra titolare quarta in classifica nella Liga, forse il campionato più competitivo d’Europa, e che ha fatto delle prestazioni maiuscole  contro Real Madrid, Barcellona e proprio ieri in casa dell’Atletico Madrid dove ha pareggiato 0-0. Personalmente più che di flessione parlerei solo di sfortuna”.

Ma Gonzalo Higuain si è fermato, non sta segnando e questa sera dovrà riprendere

“Sono convinto che Higuain stasera ci darà  qualche gioia, sia per gli obiettivi della squadra sia per i suoi personali. Ricordiamo che se Higuain è padrone indiscusso della classifica marcatori della Serie A, nella classifica della Scarpa d’Oro Suarez del Barcellona sta segnando tanto e rischia di andare in fuga in questa speciale classifica”.

Stasera in campo le migliori formazioni?

“Per il Napoli sicuramente sì. Il MIlan ha qualche dubbio che riguarda Romagnoli reduce da influenza e Montolivo e Kucka che hanno da poco recuperato dai rispettivi infortuni e magari potrebbero non essere schierati insieme”.

Cosa pensi della faccenda Spalletti-Totti: caso rientrato?

“Sembrerebbe di sì perchè oggi si è allenato con i compagni a Trigoria. Io sono un romantico del calcio e mi sarebbe piaciuto vedere calciatori che hanno fatto la storia del calcio mondiale come Totti, Del Piero, Maradona, essere omaggiati con una standing ovation in tutti gli stadi d’Italia nell’ultima stagione prima del loro ritiro. Concordo con te che Totti ha raggiunto un’età non più conciliabile con il calcio atletico di oggi. Però secondo me la società ha avuto paura della reazione dei tifosi e non ha avuto il coraggio di dire apertamente che Totti, era alla sua ultima stagione e che avrebbe giocato solo se le circostanze di una partita sarebbero state particolarmente favorevoli” 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top