Notizie

Mazzarri: “Hamsik è il giocatore ideale. I motivi per cui sono andato via…”

0b2c0f4f7276d5cab9ebf370bc3a4b57

Walter Mazzarri, tecnico dell’Inter, ha rilasciato un’intervista dove parla della sua Inter, di come l’ha cambiata e soprattutto parla del suo addio al Napoli e di un giocatore in particolare: Marek Hamsik. La stima verso il centrocampista azzurro, Mazzarri non l’ha mai nascosta e lo rivela proprio in questa intervista. Ecco quanto detto: “Milito? Il suo infortunio non ci voleva pensate che proprio questa settimana, complice la sosta, avrei voluto accelerare i tempi. Diego è un giocatore che ti sposta gli equilibri, è un top player di come ce ne sono pochi in giro.”
La leggenda vuole che Mazzarri non ama i giovani.
“Questo è un paradosso. Io parto dal settore giovanile, alla Reggina ho fatto esordire tanti giovani che non sapevano nemmeno cosa fosse la Serie A, per non parlare di Insigne. Io godo a lanciare i giovani. Mi piace arrivare in una squadra,  avere una rosa che vale tot e aumentare il suo valore. Pensate a Bianchi: esplose con me alla Reggina e poi fu venduto al City per una cifra esorbitante per quegli anni. Per vincere un campionato con i giovani però ci vorrebbero diciotto Maldini”.
Si può dire che lei ha fatto il bene del Napoli quando lo ha allenato, ma che ha creato anche un vantaggio andandosene?
“Avete capito tutto. Quello che ho fatto a Napoli, i risultati raccolti in 4 anni, considerando il rapporto fra forze in campo, valori della rosa, parametri economici della società, parlano da soli. Ma io credo proprio di aver fatto del bene al Napoli anche andando via. Perchè quest’anno la società, e i motivi lo sanno loro, ha tolto dei paletti presenti quando c’ero io, tipo il tetto ingaggi, e hanno fatto investimenti mirati per fare l’ultimo salto di qualità. Io nei quattro anni non ho mai avuto questa possibilità”
Perchè?
“Non mi interessa il perchè, parlo di fatti. E i fatti parlano di un Lavezzi trovato in un certo modo e ceduto per determinate cifre al Psg. Così come Cavani. Parlodi quattro qualificazioni consecutive all’Europa, il secondo posto dell’anno scorso, la vittoria in Coppa Italia che mancava da oltre 20 anni. Ci sono società in evoluzione che aumentano il tetto ingaggi e gli investimenti, ci sono società che cercano una politica diversa per ridimensionare i costi. Per esempio, il Napoli ora ha un tetto ingaggi che si avvicina a quello dell’Inter che però negli ultimi anni ha tagliato molte spese, iniziando un processo che sta continuando. Sono due situazioni, due annate, quelle a cui vanno incontro Inter e Napoli, da valutare in maniera differente.”
Il giocatore ideale?
“Hamsik è il top dal punto di vista professionale, tecnico, tattico, nei comportamenti, nel modo di proporsi ai compagni, nel modo di stare in campo”

Fonte: Tutto Sport

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top