Notizie

Mondo del calcio in festa. Milano torna protagonista nel mercoledi’ di coppa

985c4b395c49453c79ecfabc2f194dfa

Milan e Inter in campo questo pomeriggio, per l’edizione numero ventiquattro del Trofeo Berlusconi

C’è chi affoga una delusione d’amore dedicandosi allo shopping sfrenato. Qualcun altro corre in un’agenzia di viaggio, per sfogare la rabbia per una multa trovata nella cassetta della posta.

Nel calcio a quanto pare, non è tanto diverso. Per una squadra è difficile accettare che il proprio nome, non è nelle cronache sportive delle prestigiose partite di Champions o Europa League.

Addirittura c’è chi ha il passaporto scaduto da due stagioni, perché a queste competizioni non ha potuto parteciparvi per gli scadenti risultati ottenuti in campionato.

Per qualcuno è ancora più frustrante che la propria città, malgrado abbia due club ricchi che hanno investito centinaia di milioni nel calciomercato, non sia protagonista nella festa del calcio internazionale, alla pari di Madrid e Barcellona, Londra o Parigi. Addirittura ci sono Roma, Napoli e Firenze. No, non è possibile

Come affogare in questo mondo del pallone una delusione così grande che potrebbe suscitare tanta rabbia? 
Semplice, si organizza un trofeo ad personam, anzi per meglio dire ad squadram. 

Ecco giustificata la tanta enfasi per il derby di Milano che andrà oggi in scena alle ore 18 allo stadio Meazza. In palio c’è il “prestigiosissimo” Trofeo Berlusconi, che una volta era una semplice amichevole estiva, mentre oggi è un’occasione di riscatto per chi è fuori dal calcio che conta. Non è una coincidenza casuale, che in questa stagione l’evento dell’anno si gioca nella stessa giornata di un turno di Champions League. Diamine, almeno per un mercoledì lasciate godere anche chi è costretto a stare tutto l’anno davanti la TV a “sentir parlare gli altri”. 

Ci sarà anche la diretta televisiva, in chiaro ovviamente,  per dare maggiore visibilità alle due squadre protagoniste.
Chissà se sarà stata bandita anche un’asta per l’assegnazione dei diritti televisivi, visto che la Infront è di casa in certe società, in certe città. Vendere i diritti di una così importante competizione può avere il vantaggio di racimolare qualche euro per diminuire lo stratosferico passivo dei protagonisti.

Ma forse organizzare una partita del genere, nell’anno dell’Expo, può aiutare a dimenticare per un’ora e mezza (supplementari e rigori permettendo) il conto in banca che è di un rosso più profondo di quello di Dario Argento.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top