Notizie

Quella per la felicità. La gara più difficile da vincere

27bd0e104ee21ff71d987076442d0ceb

Hanno giocato contro per la prima volta il 15 settembre del 1985. Scenario l'”Arena Garibaldi di Pisa”.

Diego Armando Maradona e William Kieft. Il primo con la maglia (bianca da trasferta) del Napoli, il secondo con quella di un neo-promosso Pisa.

Quella gara finì 1-1, si giocava la seconda giornata del campionato di Serie A. Il Napoli di allora era simile al Napoli di oggi, si avviava ad essere grande e vincente. Ad attendere il Pisa, invece, una cocente retrocessione in cadetteria.

Realtà lontane, diverse tra loro. Mondi, scenari, e soprattutto ambizioni sportive diametralmente opposte.

Eppure, in quel periodo, Pisa e Napoli hanno qualcosa in comune: La Cocaina. La maledetta polvere bianca seppe essere paradossale, entrando  prepotentemente, ma silenziosamente, nelle vite dei calciatori simbolo delle due compagini: Diego Maradona e William Kieft.

La storia di Diego è nota a tutti, quella di Kieft, invece, è stata proprio lui a svelarla, nello stupore generale, nella sua autobiografia.

Sono stato tossicodipendente per 18 lunghi anni – ammette l’olandese – avevo toccato il fondo ma dopo un programma di disintossicazione, da 14 mesi sono pulito. Un essere umano trova rifugio nella cocaina quando è disperato. E’ stato un circolo vizioso da cui non riuscivo ad uscire“.

La svolta, in positivo, è arrivata grazie all’amico-allenatore Fred Rutten che l’ha voluto con sè nello staff del PSV Eindhoven.

In quel Pisa-Napoli, dunque, non solo gol, sorrisi e gloria sportiva, ma anche dramma, quello interiore.

Gioia e sofferenza sono come il Napoli ed il Pisa. Sembrano così diverse e distanti ma in fondo hanno qualcosa in comune. Saper essere veramente felici vuol dire saper gestire ed affrontare entrambe. 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top