Notizie

Riconoscenza e sportività, questi sconosciuti

62d0bdde00d52cb168fab43a32bac0ee

Un dato non è certo, di più. Le bacheche delle società di calcio si riempiono se a metterle in piedi sono club organizzati, capaci di programmare e pianificare.

L’improvvisazione, nel calcio, non ha mai ripagato nessuno, nemmeno società blasonate finite in decadenza proprio perchè hanno smarrito la via del cervello piuttosto che quella del danaro.

Il successo sportivo non è programmabile, non lo si può pianificare, localizzare nel tempo. Ma è certo che dinanzi ad un progetto serio, prima o poi arriverà.

Il Napoli non è riuscito a passare il turno in Champions League, è stato eliminato in Europa League, non avrà vita facile in campionato nella corsa al secondo posto (che eviterebbe i preliminari di Champions League), perchè ha davanti a se due squadre che stanno andando forte come un treno, ma ha una Società sana che programma, e bene, da anni.

Tra qualche ora al San Paolo scenderà in campo la Fiorentina. Gara d’alta classifica per il Napoli, gara dura. I partenopei ce la metteranno tutta affinchè rimangano inalterate le distanze dalla Roma, ma se così non dovesse essere a noi piacerebbe immaginare comunque un San Paolo festante per quello che rappresenta oggi la realtà Napoli. Convinti tutto ciò appartenga anche al pensiero europeo e poco italiano di Rafa Benitez, che fa della sportività vera il suo principio basilare.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top