Notizie

RILEGGI LIVE E GUARDA IL VIDEO – Conferenza stampa di Rafael Benitez: “Domani gara fondamentale, chi fa la differenza sono i giocatori. Zuniga migliora”

d1495fd50aec8a7f22f99ef1d7dfe1a1

Gentili lettori,
100x100napoli è a Castelvolturno per seguire in tempo reale la conferenza stampa di Rafael Benitez, che sarà presente in sala intorno alle 12,30. Benitez consegna le mimose alle donne presenti in sala. Un bel gesto quello del mister e della società azzurra nel giorno in cui si festeggiano le donne.

Perché l’esposizione mediatica su questa partita? Lei rimane qui?
“Questa è una partita importante, continuare la relazione con la stampa è importante”.

Che partita è Napoli – Roma?
“E’ importante per noi. Non dobbiamo nasconderci, la affronteremo per raggiungere il secondo posto  e garantirci la Champions diretta”.

Rientrano Higuain e Albiol. Hamsik non è ancora ai suoi livelli, colpa del giocatore o più sua?
“E’ un errore parlare di colpa. Hamsik ha avuto un infortunio e sono soddisfatto del suo lavoro. Io lo appoggio sempre, ha la mia fiducia. Lui sa che può fare la differenza: l’ha fatta all’inizio e la farà anche alla fine”.

Roma miglior difesa però ha subito 5 gol dal Napoli.
“Il Napoli ha qualità in attacco, con l’inserimento giusto facciamo gol”.

Nei prossimi cinque anni Napoli e Roma saranno le squadre da battere?
“Siamo in fase di crescita come anche la Roma. la Juventus è forte ma l’anno prossimo conosceremo meglio tutta la rosa, il campionato e quindi faremo meno errori”.

Ultima chiamata domani per il secondo posto?
“No, pensiamo una partita alla volta. Per il secondo posto dobbiamo solo vincere, la squadra lo sa”.

Roma senza Totti e De Rossi.
“La gente si dimentica che anche noi abbiamo avuto infortuni lungo termine. Loro hanno il vantaggio di una partita alla settimana e sarà così fino alla fine”.

Come affronteranno domani la partita i giocatori?
“Loro parlano con me e li vedo preparati, tutti dobbiamo essere carichi”.

Napoli bene nelle Coppe, quella di domani è una finale?
“Dobbiamo vincere ma non è una finale. Se la Roma continua così bene sarà difficile. Noi faremo di tutto per vincere e affronteremo senza paura la partita”

Sembra che Garcia stia cambiando il modulo in vista della gara di domani.
“A me interessa il mio modo di pensare. Se cambiano il modulo dobbiamo capire come affrontarli in modo diverso. Ogni squadra ha il suo modo di giocare, ognuno ha i suoi giocatori. Noi guardiamo la nostra squadra non gli altri. La cosa più importante è capire il gioco, i giocatori devono sapere cosa fare. Se gli altri cambiano modulo dobbiamo essere già preparati a fare dei movimenti”.

De Laurentiis ha detto qualcosa per domani?
“Lui prova sempre a caricare la squadra ma la differenza la fanno i giocatori in campo”.

Ultimi pareggi con Genoa e Livorno, domani affronterete in modo diverso la Roma? Zuniga come sta?
“Quelle sono partite che dovevamo chiudere nel primo tempo. Zuniga è tornato molto bene dalla Nazionale, è contento. E’ stato positivo per lui affrontare queste settimane senza dolore. Va meglio e si è anche allenato in campo. Non so quando tornerà. Gli infortuni al ginocchio sono sempre un mistero”.

Cosa fare contro le difese schierate? 
 Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva e le ripartenze avversarie, ma anche sulle difese a quattro o cinque. Bisogna solo continuare a lavorare, analizzare quello che abbiamo fatto male”.

E’ la gara per capire chi è più forte tra lei e Garcia?
Quando una piccola squadra va a giocare con una squadra importante, con un tecnico importante, vince il tecnico? Sono due squadre di livello, se vincerà una o l’altra sarà per il gioco o per un episodio, non perché uno è superiore all’altro”.

Il Napoli ha 900 minuti in più nelle gambe rispetto alla Roma, quanto incide? 
“I nostri numeri dicono che ancora la squadra sta bene, la concentrazione e la motivazione cambia quando giochi con Milan o Roma, oppure con una squadra che è dietro. Ogni giocatore ha la sua testa. Certe cose non si possono controllare, dobbiamo gestire il gruppo, essere attenti.

Il nostro inviato Alessandro DeMartis: Napoli diverso senza Higuain, non si può pensare che le giochi tutte. Cosa intende fare? Ci sono delle gerarchie consolidate?
“Lui è fondamentale, era importante vedere dall’inizio tutti. Dobbiamo avere più possibilità di fare gol e quando lui non c’era abbiamo fatto gol e abbiamo vinto. Lui ha esperienza e deve essere importante ma dobbiamo far crescere Duvan e far arrivare in porta anche Insigne e i centrocampisti”

Ora vedremo di nuovo il Napoli di inizio campionato? Diciamo “La grande bellezza”? I nazionali stanno bene?
“Abbiamo giocato tante partite e all’inizio siamo andati bene. Dal punto di vista fisico stiamo bene e dobbiamo dimostrarlo in campo. Si, sono tornati bene tutti i nazionali”.

CLICCA QUI per il video della conferenza

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top