Notizie

Romanisti chiedono ai tifosi dello Swansea: “Cantate cori sul Vesuvio”

b29c0d3ec2fcc322a67ee18ad5a93eeb

La polemica sui cori discriminatori non accenna a placarsi, anzi. I tifosi dell Roma, si sono visti squalificare le curve e i distinti per i continui cori discriminatori contro i napoletani. La sconfitta subita a Napoli per 3-0 che ha portato l’esclusione della Roma dalla finale di Coppa Italia, fa ancora male ai tifosi giallorossi che quindi hanno pensato bene di portare la moda dei cori contro il Vesuvio anche all’estero.
Fra ieri e oggi c’è stato un vero e proprio assalto a: forum dei tifosi dello Swansea, portali e persino la pagina Facebook ufficiale dello Swansea da parte dai tifosi della Roma che hanno invitato gli Swans ad intonare i tristemente celebri cori sul Vesuvio e ad esporre striscioni denigratori nei confronti dei tifosi azzurri che saranno al seguito della squadra di Benitez.
Come se non bastasse hanno dipinto i partenopei come delinquenti e persone cattive, tanto da intimare ai gallesi di fare attenzione nella gara di ritorno suggerendo loro di muoversi in gruppo perché i napoletani cercheranno di assalirli, cercheranno scontri.

La risposta: essendo i gallesi persone intelligenti, hanno dato poco conto ai “suggerimenti” dei romanisti anche perché “I canti sono proibiti dall’UEFA, è una cosa che noi chiamiamo “razzismo” e “ignoranza. Siamo nel 2014, dovresti concentrarti sulla tua squadra del cuore piuttosto che sull’avversario. Ma credo che in Italia sia un concetto poco diffuso”.

Ovviamente i tifosi romanisti non partecipando a queste competizioni non possono saperlo. Invece di pensare ai tifosi delle altre squadre sarebbe bene sostenere la propria squadra del cuore, perché in fondo allo stadio si va per sostenere i propri colori, la cosidetta squadra del cuore, o no?

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top