Notizie

Sabatino Durante non ha dubbi: “Vargas ottimo giocatore. Fernandez ha bisogno di fiducia, Higuain puo’ arrivare a quota 20”

8ee107fb8e11fa27c5eb0c84c03d7dff

Nel corso della trasmissione Radio Marte Sport è intervenuto quest’oggi Sabatino Durante, agente FIFA e grande esperto di calcio sudamericano, che ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni relative a Vargas e Fernandez, arrivati a Napoli con tante aspettative ma spesso deludenti quando sono stati chiamati in causa. Il cileno potrebbe tornare nel capoluogo partenopeo a partire da dicembre, in concomitanza con la fine del prestito al Gremio, mentre l’argentino fatica a trovare spazio nella formazione allenata dal tecnico Benitez.

Vargas sta facendo grandi cose in nazionale, soprattutto nella partita infrasettimanale del Cile contro la Spagna, mentre nel Napoli non è quasi mai riuscito a dimostrare il suo valore. Possiamo dire che sia maturato?

“In realtà Vargas ha un pò gli spagnoli nel mirino, se pensiamo che aveva segnato contro di loro all’esordio in nazionale. Maturato? Beh, uno che ha un curriculum come il suo, che comprende il 2° posto al Pallone d’oro sudamericano dietro Neymar, tecnicamente non si può discutere. Il problema semmai è la mentalità, bisogna infatti considerare che quando i sudamericani arrivano in Europa a gennaio nascono diverse difficoltà: in Sudamerica un giocatore va in vacanza a dicembre, arriva dal caldo e trova il freddo in Europa, pertanto a questi calciatori va riservato un trattamento particolare. Buttarli nella mischia facendogli pesare la pressione come fossero continui punti interrogativi crea una situazione difficile che non gli consente di esprimersi al massimo”.  

C’è da dire però che anche nel Gremio spesso non è titolare, essendo la riserva di Barcos e Kleber….

“Barcos è un calciatore di altissimo livello, e non è facile togliergli il posto da titolare, stesso discorso per Kleber che ha precedenti di tutto rispetto. Per questo non darei troppa importanza a questo elemento per giudicarlo”.

Perchè anche Fernandez in nazionale è sempre tra i migliori, mentre a Napoli non brilla, così come accaduto pure nel Getafe?

“Bisogna ammettere che in Argentina non ci sono tantissimi difensori centrali di livello, o almeno giocatori all’altezza dei tanti attaccanti. Per quanto riguarda Fernandez posso dire che è un ottimo giocatore, ma somiglia troppo ad altri giocatori della rosa del Napoli. Ad esempio l’anno scorso, tolto Campagnaro che è un difensore veloce ed esplosivo, tutti gli altri avevano carattristiche simili a Fernandez, alti e compassati, e nella difesa a 3 come giocava Mazzarri per raggiungere certi sincronismi è necessario che accanto al centrale fisicamente forte devono giocare calciatori rapidi. Poi in Argentina gli danno fiducia, e questo per un difensore è fondamentale, perchè con la fiducia si può dare il meglio colmando anche delle lacune, come per esempio accadeva ad Aronica, che pur non essendo un calciatore dotato tecnicamente riusciva a tirare fuori il 120% delle sue possibilità”.

Secondo lei chi sarà il capocannoniere del camionato italiano?

“Sarà una bella lotta tra Higuain, Tevez e Gomez. Il centravanti del Napoli se starà bene fisicamente può arrivare tranquillamente a quota 20”.

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top