Notizie

Sarri, maestro di vita: “Stupendo allenare la squadra per cui tifavo da bambino – ma avevo già vinto prima: quando ho fatto della mia passione un lavoro”

Il nuovo tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, ospite al Perlamora Festival, ha parlato del suo rapporto con il calcio, da quando venti anni fa lasciò l’impiego in banca, fino alla panchina della squadra della città in cui è nato. Il tecnico, tra ironia e modestia, dichiara: “Quest’anno andava di moda il mio nome, il calcio è così: ma si fa presto anche a passare di moda”.

 

E continua – “Fumo ancora come prima, e scenderò in campo in tuta. Non sono cambiato in queste cose, rispetto a quando allenavo il Faella. Semmai ho un po’ di pazienza in più, ma quella penso sia una questione d’età”. Eppure dalla panchina del Faella, negli anni ’90, un po’ di strada ne ha fatta, Maurizio Sarri: dopo aver riportato in serie A l’Empoli, ha da poco firmato il contratto per allenare il Napoli, un salto notevole nella carriera di un allenatore. In mezzo c’è una scalata: Cavriglia, Sansovino, Sangiovannese, Pescara, Arezzo, Verona, Perugia, Alessandria, e appunto Empoli. 

“Ma parlare di carriera, di salto di qualità, a me sinceramente non importa. Io volevo fare della mia passione un lavoro: mi sono innamorato del mestiere dell’allenatore grazie a Sacchi, e questo tra l’altro glielo ho anche detto qualche giorno fa, quando l’ho finalmente conosciuto di persona. La cosa bella è che lui mi ha risposto che se dovesse scegliere un suo ‘erede’, sarei io. Mi ha fatto molto piacere. Detto questo, però, la mia vittoria non è stata arrivare a Napoli: io avevo vinto molti anni prima, quando ho potuto fare l’allenatore per vivere”. 

Ed è con le parole di Sacchi che risponde a chi gli domanda come farà a rapportarsi con calciatori che guadagnano milioni, mentre lui da giocatore era piuttosto scarso: “Non è che per fare il fantino devi prima aver fatto il cavallo”, e raccoglie l’applauso dei presenti. “Non mi monto la testa, quest’anno andava di moda il nome di Sarri, tutti venivano a Empoli a vedere gli allenamenti, come lavoravamo. In questo mondo però si fa anche presto a passare di moda. Io cercherò di lavorare al meglio, non so se il mio metodo sarà adatto a Napoli: lo vedremo”. 

Qualche parola sul ruolo della società, e di un presidente come De Laurentiis: “Una personalità fortissima, quella settimana di contrattazione prima della firma è stata snervante. Per me ma anche per lui, penso. Credo che una società possa fare la differenza nel lavoro di un tecnico: l’ho sperimentato in tutte le mie precedenti panchine. Se è a fianco dell’allenatore, allora si può lavorare bene e molto. Altrimenti diventa impossibile”. 

Sarri parla anche di Empoli, degli anni di lavoro, di una società in cui ha lasciato un pezzo di sé. “Per i prossimi dieci anni, sono sicuro che alla fine di ogni partita chiederò che ha fatto l’Empoli. Per me è stato difficilissimo lasciare. Lì abbiamo creato un gruppo, cresciuto alcuni giovani promettenti, lavorato per raggiungere traguardi prima impensabili. Empoli è un posto in cui la società e i tifosi sanno aspettare, e per questo ci siamo riusciti. So già che Napoli sarà diversa, da questo punto di vista”. 

 Fonte: Valdarnopost.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sponsor 1

Ultimi Articoli

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttore Responsabile: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013
Registrazione al tribunale n. 3751
Email: 100x100napoli@gmail.com

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top