Notizie

Scudetto: ma quanto ha inciso il mercato di gennaio?

De Laurentiis sotto accusa per non aver rinforzato adeguatamente la squadra a gennaio. Ma è stata davvero questa la causa dello scudetto non vinto? Stagione 2010-2011. Milan-Napoli alla ventisettesima giornata (28 febbraio 2011) La classifica era Milan primo con 55 punti, Napoli secondo con 52. Lo scontro diretto terminò 3-0 per i rossoneri e a fine campionato Milan campione con 82 punti e Napoli terzo (dietro anche l’Inter) con 70 punti. Il sogno infranto scatenò l’ira dei tifosi contro De Laurentiis, accusato di non aver rinforzato la squadra a gennaio adeguatamente per vincere il titolo. Il Napoli acquistò Victor Ruiz e Mascara in sostituzione di Datolo, Bucchi e Rullo. Il Milan si rinforzò con Emanuleson, Van Bommel, Le Grottaglie e Cassano dopo aver ceduto il solo Ronaldinho sul viale del tramonto calcistico.

Stagione 2015-2016. La storia sembra ripetersi. Juventus-Napoli alla venticinquesima giornata (13 febbraio 2016). La classifica era Napoli primo con 56 punti, Juventus seconda con 54. Lo scontro diretto ha visto i bianconeri vincere per 1-0 ed effettuare il sorpasso in classifica.Altro sogno infranto e ancora una volta sotto accusa De Laurentiis e la sessione invernale di mercato che ha visto il Napoli rinforzarsi con gli innesti di Regini e Grassi al posto dei ceduti Henrique, De Guzman, Dezi e Zuniga. La Juventus è già Campione d’Italia e attualmente ha 12 punti di vantaggio sul Napoli.

Quanto sia stato determinante il mercato di gennaio in questa stagione, è un discorso che trova ragione di esistere più per i colpi non fatti che per quelli portati a termine.

Analizzando il rendimento nel girone di ritorno delle squadre impegnate nella lotta per un posto utile per partecipare alle prossime coppe europee, forse solo la Roma è stata beneficiata dagli innesti di Perotti ed El Shaarawy in sostituzione dei ceduti Iturbe e Gervinho. Ma anche nel caso della Roma bisognerebbe valutare attentamente, quanto il salto di qualità sia dovuto ai nuovi acquisti e quanto all’arrivo di Spalletti sulla panchina al posto di Garcia. Soprattutto bisognerebbe valutare quanto sia stato fondamentale l’apporto di Totti per la conquista e la difesa almeno del terzo posto. 

La tabella seguente sui movimenti fatti a gennaio, certifica come la sessione invernale di calciomercato abbia prodotto più effetti negativi che positivi. Ad esempio la Juventus e il Milan senza colpi importanti in entrata hanno migliorato la loro classifica, mentre Inter e Fiorentina malgrado acquisti ritenuti migliorativi hanno invece peggiorato la loro classifica.

SQUADRAPos.
andata
Pos.
attuale
ACQUISTICESSIONI
Juventus21
NAPOLI12Grassi
Regini
Henrique
de Guzman
Dezi
Zuniga
Roma53Perotti
El Shaarawy
Zukanovic
Gervinho
Iturbe
Cole
Doumbia
Inter24EderMontoya
Dodo
Ranocchia
Guarin
Fiorentina45Zarate
Tino Costa
Tello
Kone
Benalouane
Mario Suarez
Rebic
Gilberto
G.Rossi
Milan86BoatengDe Jong
Cerci
Suso
Nocerino
Sassuolo77TrottaFloro Flores
Floccari
Ariaudo

E’ opinione diffusa che una squadra vincente si costruisce e si completa durante il mercato estivo quando, con soldi alla mano, tutti i calciatori sono potenzialmente sul mercato. Di contro a gennaio diventa davvero difficile, per non dire miracoloso, trovare gli innesti giusti disponibili sul mercato e pronti ad inserirsi rapidamente negli schemi collaudati di una rosa che lavora insieme dal mese di luglio.  

© Riproduzione riservata. Ne è consentito un uso parziale previa citazione corretta della fonte.

Inside Articles Bottom
To Top