100×100 Napoli

Notizie

Tavecchio e le nuove riforme: riduzione delle squadre e delle rose di Serie A, B

a4c4d99a7ec3e5f435ccba6b2fe4c614

Oggi si è tenuto il secondo consiglio federale per il nuovo presidente della FIGC, Carlo Tavecchio. I temi affrontati sono stati diversi e sono state abbozzate anche alcune riforme riguardanti

i campionati, l’attività giovanile, le multiproprietà delle società professionistiche, il fair play finanziario mutuato dalla Uefa, la composizione delle rose in serie A, il nuovo regolamento degli intermediari, il tesseramento degli extracomunitari e lo sviluppo del calcio femminile. 

Il presidente della Figc: «Abbiamo la necessità di rendere la federazione più vicina a chi ne fruisce. È inutile nascondere che non siamo in situazioni floride. È inutile che ci giriamo intorno da anni e non concretizziamo. La riduzione delle squadre professionistiche sta nei fatti”. 
Questo è un tema dominante: una A da 18, una B da 18/20, e una Lega Pro rivisitata».

Lotito: «Le nuove rose saranno limitate a 25 giocatori (di cui 4 cresciuti nel vivaio del club e 4 in un vivaio nazionale). Metteremo in condizione le singole società di poter smaltire l’organico che hanno. Ci si arriverà gradualmente. Quando entrerà in vigore la riduzione delle rose? Dal prossimo campionato. In due tre anni le società dovranno conseguire questo risultato. Per un contenimento dei costi e la valorizzazione dei calciatori italiani che crescono nei vivai».

Fonte: Corriere dello Sport

Inside Articles Bottom
To Top