Notizie

[VIDEO] Lo stadio di proprietà del Napoli

a86f5b816ff34ccbfd8586e36b097a70

Quella azzurra è stata tra le prime società ad avere lo stadio di proprietà, ma in pochi lo sanno.

Lo stadio di proprietà contribuisce ad incrementare il fatturato (e quindi a rinforzare la squadra) con l’aumento degli incassi al botteghino e i ricavi indipendenti dal fatto sportivo generati dalle attività commerciali, di merchandising, di ristorazione e di intrattenimento collegate allo stadio. 

In Italia lo hanno capito Juventus, Sassuolo (di proprietà del presidente Squinzi e della Mapei) e Udinese (in concessione e gestione per 99 anni).  

E il Napoli? Il Comune e De Laurentiis ancora discutono sugli interventi più urgenti di manutenzione da fare al San Paolo e da quale “tasca” debbano uscire gli euro necessari per rendere il San Paolo una struttura moderna, accogliente e redditizia.

Eppure tanti anni fa il Napoli lo stadio di proprietà lo ha avuto. Dopo l’esordio del Naples nel 1906 sul campo “Mandracchio”, che si trovava tra piazza Municipio e via Marina, nel 1926 il giovane industriale napoletano Giorgio Ascarelli, fondò l’Associazione Calcio Napoli che giocava le partite casalinghe allo stadio militare ”Arenaccia”.

Ascarelli tre anni dopo commissionò e finanziò la costruzione di uno stadio nuovo, progettato da Amedeo D’Albora. Lo stadio costruito nel rione Luttazzi, venne chiamato “Stadio Vesuvio”. Nel 1929 il Napoli aveva uno stadio da 20.000 posti interamente di sua proprietà. Ovviamente la partita di inaugurazione fu Napoli-Juventus (2-2).

Alla sua morte lo stadio venne intitolato ad Ascarelli, che per il regime fascista aveva il grosso difetto di essere ebreo e le leggi razziali dell’epoca imposero il nome di “Stadio Partenopeo”.

Lo stadio di proprietà del Napoli fu raso al suolo durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale e il Napoli fu costretto a trasferirsi prima allo stadio “Collana” al Vomero, poi allo stadio “San Paolo” di Fuorigrotta, dove il Napoli ha vinto gli unici due scudetti della sua novantennale storia e dove, ovviamente, ha giocato Maradona il calciatore più forte del mondo di tutti i tempi. 

[iframe width=”420″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/UAcsWVxazfA” frameborder=”0″ allowfullscreen ]

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top