Notizie

In Napoli-Dnipro c’e’ anche lo zampino di Collina

168fae804324bee520e62d461267053a

E’ stato uno dei migliori arbitri italiani di tutti i tempi. Oggi è il designatore degli arbitri dell’UEFA.

Pierluigi Collina è stato nominato miglior arbitro del mondo dal 1998 al 2003. Nella sua carriera ha diretto tanti big match, come la finale mondiale del 2002 Brasile-Germania, la finale delle Olimpiadi del 1996 Nigeria-Argentina, la finale di Champions League del 1999 Bayern Monaco-Manchester United e la finale di Coppa Uefa 2004 Valencia-Marsiglia.

La carriera dell’ex fischietto italiano, è stata macchiata da errori di una certa gravità. Agli Europei del 2000, la concessione all’Olanda di un rigore discusso, diede origine a feroci polemiche da parte della Repubblica Ceca, squadra danneggiata da quella decisione. Nella sua ultima gara ufficiale in assoluto, Villareal-Everton ritorno dei preliminari di Champions League 2005-2006, agli inglesi venne annullato sull’1-1 una rete regolarissima. L’Everton perderà poi 2-1.

Attualmente Collina è il “designatore degli arbitri dell’Uefa”, voluto in prima persona dal presidente Michel Platini. Le polemiche del dopo Napoli-Dnipro, hanno in un certo senso coinvolto anche la sua designazione, per  affidando al norvegese Moen una partita così delicata.

Collina non è ufficialmente intervenuto sul caso specifico, ma in passato, dopo una riunione degli arbitri internazionali, aveva parlato con i giornalisti della situazione arbitrale dell’Uefa:

“Gli arbitri li seguiamo costantemente: si allenano in modo professionale in ogni periodo dell’anno. Abbiamo una struttura ad hoc che li monitora per cercare di prevenire gli infortuni, individuando i fattori di rischio di ciascuno e agendo su questi. Per quanto riguarda le valutazioni sul fuorigioco, non si può chiedere a un assistente di valutare i centimetri. Non è un compito da essere umani. Nello stesso tempo è un paradosso chiedere di accettare l’errore perché la valutazione è impossibile da fare. Credo che qualcuno debba al più presto mettere mano alla questione, trovando un diverso equilibrio alla regola. Gli addizionali di porta sono utili perché in 5 possono suddividersi gli spazi e avere un controllo maggiore nella zona del campo più importante (l’area di rigore n.d.r.). Introdotti per i goal fantasma? Sarebbe stato poco comprensibile aggiungere due arbitri con lo scopo di attendere un evento che statisticamente ha numeri bassissimi nell’arco di una stagione”.

 

Inside Articles Bottom

Testata Giornalistica Sportiva.
Direttrice: Rosa Mele
P.Iva: 07533801218
Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013

Copyright © 2016 IMele S.r.l. - Tutti i diritti riservati

To Top