Informativa sui cookie

Notizie

Insigne: “Per il 2014 voglio il Mondiale e diventare capitano del mio Napoli”

Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, in questa stagione di campionato è ancora a digiuno di gol. L’attaccante napoletano è stato lanciato da Mazzarri che lo ha consacrato in Serie A, mentre con Benitez, di cui beneficia della sua stima, non riesce a trovare  la giusta serenità, almeno in campionato. 
Insigne ha rilasciato in’intervista dove ha parlato delle differenze tra Benitez e Mazzarri ma anche dei suoi desideri per il 2014 e del suo sogno nel cassetto. 
Ecco quanto dichiarato: “Spero di sbloccarmi e di segnare al più presto in campionato, vorrei andare in Brasile. E un giorno sarò capitano del mio Napoli”.

Il bilancio di questo 2013 è sicuramente positivo: “E’ stato un anno con gol importanti come quello al Borussia Dortmund, c’è stato il matrimonio, la nascita di mio figlio, tutte cose belle che non dimenticherò mai, L’anno scorso abbiamo fatto un grande campionato e siamo arrivati secondi dietro una Juve che aveva un organico più ampio, con più scelte”.

A Giugno andò via Mazzarri ed è arrivato Benitez:”Mazzarri caricava più la partita, ti faceva stare un po’ in tensione, Benitez è più tranquillo. Ma sono due allenatori diversi, con moduli diversi e diverse mentalità”.

L’uscita dalla Champions: “Mai visto una squadra che con 12 punti viene eliminata. Altre sono andate avanti con 6. Ma siamo consapevoli che abbiamo dato tutto fino all’ultima partita e questo ci dà ancora più forza, ci fa capire quelle che sono le nostre doti”.

Quest’anno è ancora deve mettere a segno un gol in campionato: “Cerco di rimanere tranquillo perché più cerchi il gol, più fai fatica. Sono a disposizione dell’allenatore, prima o poi il gol arriverà”.

Davanti ci sono Juventus e Roma: “Ce la giocheremo con tutte le squadre e alla fine vedremo dove saremo arrivati. Il mio sogno resta fare un giorno il capitano del Napoli. Ma c’è Hamsik che non vuole andare via e poi anche Maggio. Io sono ancora giovane e spero di rimanere il più a lungo possibile”.

Cosa speri per il 2014?: “Spero che arrivi qualche gol, l’obiettivo è essere fra i convocati per il Mondiale in Brasile”.

Fonte: gazzetta.it



Comments

comments

CIAOO
To Top