Primo Piano

Di Lorenzo: “In ritiro abbiamo lavorato, le griglie ci motivano”

di lorenzo napoli

I calciatori del Napoli Di Lorenzo e Zanoli hanno rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss.

Di Lorenzo: “Fascia da capitano? E’ una bella responsabilità, ma sono pronto a coglierla. L’hanno indossata grandi calciatori, per me è un orgoglio. Mai avrei immaginato di diventarlo, ora sta a me dimostrare di meritarla. Continuità? Il lavoro, l’alimentazione sono cose importanti. Dobbiano curare tutti i dettagli per rendere al massimo. Sono partiti diversi giocatori, sono arrivati altri altrettanto bravi. Hanno portato una ventata d’aria fresca. Il bilancio è positivo, tra poco si farà sul serio visto che inizierà il campionato. Le motivazioni le trovo anche dentro di me, spingo ogni giorno al massimo. Dietro di me c’è Zanoli, la competizione aiuta ad alzare il livello. Obiettivi? Migliorare sempre. Uno parte sempre per migliorare il risultato dell’anno prima. Ci sono tante squadre forti, noi siamo tra quelle. Griglie? Questa cosa ci deve migliorare, ma non dobbiamo leggere le cose esterne. Siamo forti e possiamo divertirci quest’anno. Ci motivano queste cose. Abbiamo visto che il Milan non era dato per favorito e poi ha vinto. C’è un gruppo che ha voglia di far bene, lavorare e far di tutto per questa maglia. Noi sicuramente daremo il massimo. Nuovi leader? E’ vero che sono partiti giocatori importanti, ma tutti dobbiamo prenderci le responsabilità e crescere come gruppo. Victor può prendersele pur essendo giovane. Poi ci sono Anguissa e Mario Rui che hanno grande esperienza. Tutti insieme dobbiamo aiutare i più giovani”.

Zanoli:  “E ‘ un privilegio essere la riserva di Di Lorenzo, mi aiuta tanto durante gli allenamenti. L’obiettivo personale è fare bene e portare i tre punti a casa. Per quanto riguarda l’obiettivo di squadra, il Napoli merita di vincere lo Scudetto. Grandissima emozione a Udine, mi sarebbe piaciuto esordire in casa ma va bene lo stesso. Con la Fiorentina al di là del risultato è stata una bellissima emozione. Champions? Non vedo l’ora di sentire la musichetta. Ritiro? E’ stato divertente. In campo abbiamo lavorato, fatto sacrifici e doppi allenamenti. Ma è il nostro mestiere. Cosa invidio a Di Lorenzo? La cattiveria in campo che ancora devo imparare. Figura di riferimento? Sicuramente oltre a Di Lorenzo ci sono Anguissa, Juan Jesus, Mario Rui e Anguissa. Anche Osimhen pur essendo giovane, dobbiamo imparare da loro”

Comments

comments

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli

To Top