Notizie

Gli Aqua Centurions donano il sangue al Pausilipon

Alla Canottieri la visita dei campioni di LA Current: “Si diventa campioni con il sacrificio”. Festa al Posillipo, visite d’arte al Mann e Lello Esposito, giovedì la Gevi Basket alla Scandone

I bambini perno della giornata dei nuotatori dell’International Swimming League. E così se Fabio Scozzoli, Elena Di Liddo, Matteo Ciampi, Domenico Fioravanti, si sono recati a donare il sangue presso l’ospedale pediatrico Pausilipon per aderire alla campagna “Dona il dangue, dona la vita“, Lenny Krayzelburg, Ingrid Wilm e Maxime Rooney erano alla Canottieri Napoli per incontrare i bambini e rispondere alle loro domande.
All’ospediale pediatrico di via Posillipo i nuotatori di Aqua Centurions sono stati accolti dal Direttore Sanitario di Presidio, dott. Nicola Silvestri e dal direttore unità di trapianto midollo e cellule staminali, dott. Francesco Paolo Tambaro, dalla dottoressa Flavia Matrisciano, direttore Fondazione Santobono Pausilipon. Poi Domenico Fioravanti e l’ad di Isl Andrea Di Nino hanno donato il sangue.

E’ una giornata importante per noi – ha detto il dott. Nicola Silvestri – perché ospitiamo dei campioni che portano un messaggio importante, quella della donazione di sangue. A maggior ragione per i bambini. Una testimonianza di vicinanza al nostro lavoro e di solidarietà“. Per il dott. Francesco Paolo Tambaro “Il sangue e le piastrine rappresentano il prodotto con il quale possiamo portare avanti le nostre terapie. I nonstri bambini non producono globuli rossi bianchi e piastrine. Gli ateti venuti oggi hanno dimostrato di avere in forma non solo il corpo ma anche l’anima”.

Sul lettino Domenico Fioravanti, gm di Aqua Centurions: “E’ un momento importante perché la testimonianza di noi nuotatori può favorire la donazione di sangue. Peccato che i ragazzi, impegnati nelle gare, non possano donarlo, ma sono certo che la loro presenza è una importante testimonianza.”

Elena Di Liddo, bronzo ai mondiali in vasca corta 2018, sente la testimonianza molto vicina. “Ho perso una persona cara per una malattia del sangue. Sono qui fermamente convinta che aiutare nelle donazioni è fondamentale“. Per il plurimedagliato mondiale Fabio Scozzoli “purtroppo noi oggi non possiamo donare ma essere qui è importante per sensibilizzare tutti a farlo”. Pensiero simile a quello espresso da Matteo Ciampi: “Il nostro obiettivo è promuovere questa campagna di informazione. A maggior ragione se si tratta di aiutare un ospedale pediatrico”.

Comments

comments

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli

To Top