Editoriale

Juventus vs Napoli. Ritorno al futuro, parte terza e le domande che nessuno si è fatto

juventus napoli maradona san paolo

Juventus e Napoli si sfideranno, sei mesi dopo la data originaria, allo Stadium alle ore 18.45. Una partita attesa per diverse ragioni.

 

La partita che si giocherà allo Stadium alle 18.45 ora italiana potrebbe essere la risposta a tante domande e soprattutto tante parole sprecate in questi mesi.

Sei mesi dopo, la data originaria, si giocherà la terza giornata del girone di andata Juventus-Napoli.
Un anno solare e una stagione calcistica solare da incubo, compressi tra lo stress psicofisico e la voglia di andare avanti nonostante tutto.
In simili condizioni era quanto meno prevedibile che si potessero vivere momenti di difficoltà, soprattutto se a questo si aggiungono i guai fisici, comuni nel calcio, ma peggiorati dal tritacarne delle infinite partite giocate e dalla sfortuna che hanno tolto a Gattuso mezza squadra per mesi.
Non aver considerato tutto, nel momento in cui si sono espressi giudizi trancianti sui risultati del Napoli, è quantomeno superficiale se si vuole salvare la buona fede.

Oggi, dunque, dopo sei mesi e due rinvii, in mezzo l’apocalisse del sistema giuridico sportivo, si gioca l’ultimo match stagionale tra bianconeri e azzurri.
Partita molto piccante, per molti piccati, che non può essere una finale, perché le finali, per definizione, danno risultati secchi.

In campionato, dopo Juventus-Napoli resteranno da giocare altre nove partite con 27 punti in palio, quindi di definitivo, stasera non si avrà niente.
Anticipare i giudizi, fa parte della libertà di parere ma toglie credibilità.

Ora la domanda è: ma a chi interessa essere credibili? Chi vuole sapere la verità?
Meno male, però, che il poi c’è il campo.

Comments

comments

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli

To Top