Editoriale

Napoli storytelling: Destini incrociati e amore contagioso

napoli sampdoria petagna

La partita contro la Sampdoria era fondamentale per dare continuità al risultato ottenuto contro la Juventus. La squadra, aveva bisogno di quantificare, per compensare la continua e inarrestabile emorragia di uomini.

Era, altresì, necessario riprendersi il Maradona che, da castello delle cerimonie, si era trasformato in una casa di carta, fragile e violata.

Invece, stavolta, non è stato violato l’amore di Spalletti che torna in tempi record, poi, ammette di essere malato, d’amore. L’amore muove il mondo, ogni tanto sposta anche il calcio, un po’ avanti un po’ indietro.

Sicuramente, a Spalletti è stata data sostanza e concentrazione da tutti i suoi ragazzi. Siamo nella fase da ‘Denti stretti e pochi fronzoli’. Resistere, resistere resistere.

Perfetto per il ruolo Petagna che, però, regala anche qualità. Gol a parte, si sta affinando la relazione con Mertens. I due si cercano, dialogano e giocano. Capitolo a parte per Lobotka. Il centrocampista, considerato da sempre, un giocatore di livello dallo Scouting del Napoli, è stato fortemente voluto dal Direttore Giuntoli.

Pagato tanto (il tempo dirà se il giusto o se, addirittura, sia stato un vero affare) sponsorizzato, dai tempi in cui era ancora il capitano, da Hamsik è stato, per un anno e mezzo l’oggetto misterioso. Problemi di varia natura, nella gestione Gattuso, che si sono intrecciati anche alle vicissitudini societarie nel periodo più buio della scorsa stagione.

L’arrivo di Spalletti e le indisponibilità di altri titolari, oltre al recupero di una buona condizione fisica, hanno dato allo slovacco la possibilità di mettersi in mostra. Poi, la consacrazione pubblica del mister, dopo una serie di prestazioni convincenti.

Ora si passa alla fase più difficile: La continuità. Una considerazione, andrebbe fatta, anche, sui limiti imposti al mercato dalla crisi e dalle indicazioni societarie. Non aver potuto fare acquisti, ha fatto fare di necessità virtù, consentendo la valorizzazione di calciatori che erano stati frettolosamente bocciati.

A volte, non tutti i mali vengono per nuocere.

Comments

comments

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli

To Top